lunedì 5 novembre 2012

24 ore, emendamento commissione cultura, un papocchio politico

di Libero Tassella


Il regime d'impegno e l'articolazione dell'orario del personale docente nominato sui posti dell'organico di diritto delle scuole superiori di primo e secondo grado, comprende sia le attività di insegnamento curriculare, sia i connessi compiti preparatori, organizzativi e di verifica, nonché esami e scrutini, programmazione, progettazione e ricerca, valutazione, documentazione, aggiornamento e formazione, preparazione dei lavori degli organi collegiali, partecipazione alle riunioni collegiali e attuazione delle delibere adottate, attività interdidattiche.



41-ter. I docenti di ruolo, di cui al comma 41-bis, sono tenuti a svolgere un numero di ore settimanali, adeguato alla natura e alla complessità del carico di lavoro. In ogni caso, ciascuna istituzione scolastica è tenuta ad assicurare un equilibrio interno per quanto concerne la diminuzione o l'aumento del carico didattico, che non può essere inferiore a 18 ore curriculari.
41-quater. I docenti di cui ai commi 41-bis e ter sono inoltre tenuti a documentare le ore di attività connesse agli obblighi didattici, funzionali alla prestazione d'insegnamento.

Come faremo a documentare, ad esempio, il numero di ore speso a correggere compiti, magari di domenica ? ..... mi verrebbe da ridere se non ci fosse da piangere. E ancora, la frase "....che non può essere inferiore a 18 ore curriculari". Vuol dire che potrà essere anche superiore alle 18...cioè 21 o 24". Pertanto invito tutti a non abbassare la guardia, e come dicevo nell'aarticolo pubblicato qualche giorno fa su questo sito non ascolatre la sirena di cantanti e pompieri, siano essi di fonte sindacale siano essi di fonte politica.



http://www.professioneinsegnante.it/index.php/news/3560-24-ore-emendemanto-commissione-cultura-un-papocchio-politico.html