domenica 25 novembre 2012

Come un idoneo vede la sentenza del CdS sul concorso DS in Lombardia



Si riporta un commento trovato nella rete e inviato alla redazione di RTS da un nostro lettore. Il post inviato dice: “ I ricorrenti del concorso DS in Lombardia  erano giunti a Roma sostenuti da un gruppo  agguerrito di avvocati. Tuttavia gli avvocati  Angiolini, Barboni, Resta, Mariotti, Violetta, Nardone, Formilan, Vacirca, Allanda, Pafundi, Elia, Panariti, Masini, Nespor e altri, hanno dovuto subire la perizia che l'avvocatura dello stato aveva prodotto ai giudici del Consiglio di Stato. Questa perizia  attestava l'opacità  della busta utilizzata durante le prove concorsuali. A nulla sono servite le contestazioni degli avvocati.

 

Efficacissime, invece, le obiezioni che gli avvocati degli idonei che hanno evidenziato i numerosi vizi formali relativi alla sentenza del 18 luglio. Pertanto gli idonei attendono   la sentenza del Consiglio di Stato con l'assoluta certezza di avere la ragione dalla loro parte”. Il post continua dicendo che dopo le attività  istruttorie di questa settimana ( si prevede la pubblicazione della sentenza il 27 novembre ), l'ufficio scolastico regionale della Lombardia  inizierà , da lunedì  3 dicembre, l'attività  di immissione in ruolo dei vincitori del concorso. Mentre i ricorrenti dovranno vincere i loro rancori e tornare a occuparsi con serenità  delle rispettive famiglie e della loro attività  di docenza.  Sarà tutto vero quanto riportato ? Basta avere pazienza e l’attesa darà spazio alla certezza di una sentenza da rispettare.

Prof  Giusto Giustino

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.