domenica 21 aprile 2013

Esempio di regolamemto interno degli studenti

REGOLAMENTO INTERNO DEGLI STUDENTI

Questo regolamento, parte integrante del Regolamento d’Istituto, raccoglie:
a-     Le principali norme di comportamento relative agli alunni;
b-    I provvedimenti disciplinari in caso di comportamenti che infrangono le norme che regolano la convivenza dell’Istituto ai sensi dell’art. 4 comma 1° del D.P.R.  n. 249 del 24/6/1998 (“Statuto delle studentesse e degli studenti”) e della C.M.      n. 371 del 2/9/1998

 
 

A.   NORME DI COMPORTAMENTO

1.     Gli alunni, cinque minuti prima dell’inizio delle lezioni, si devono raggruppare all’ingresso della scuola divisi per classe ed entrare in aula   ordinatamente, accompagnati dall’insegnante della prima ora. 
2.     Nel caso sia assente l’insegnante della prima ora, gli alunni devono attendere un altro insegnante o un collaboratore scolastico per poi entrare ordinatamente nell’aula. 
3.     Nei corridoi e nei locali della scuola è vietato correre, spingersi e gridare. 
4.     I ritardi e le assenze devono sempre essere giustificati.  
5.     Gli alunni devono possedere un diario scolastico. I genitori devono verificare periodicamente il diario sul quale vengono segnate eventuali        comunicazioni dei docenti alla famiglia, i compiti, l’orario delle lezioni. 
6.     Durante le lezioni gli alunni devono comportarsi ordinatamente e prendere la parola con il consenso dell’insegnante. 
7.     Gli alunni devono rimanere in classe fino al momento dell’intervallo. In particolare non devono uscire dall’aula al cambio della lezione. Durante         l’intervallo gli alunni devono rimanere sul piano in cui è situata la propria classe. 
8.     L’alunno deve venire a scuola fornito di tutto il materiale necessario allo svolgimento delle lezioni. 
9.     La ripetuta dimenticanza di materiale scolastico deve essere segnalata ai genitori tramite comunicazione scritta sul diario. 
10.   I compiti assegnati devono essere svolti interamente, salvo giustifica scritta dei genitori. 
11.  I compiti in classe e le verifiche, consegnati agli alunni per la presa visione dei genitori, devono essere restituiti, senza deterioramento, entro e non        oltre tre giorni dalla loro consegna. 
12.   A scuola gli alunni devono portare solo materiale didattico. Tutto quanto non attinente viene ritirato e restituito direttamente ai genitori.
13.   Durante le lezioni è vietato mangiare. I genitori sono invitati a far consumare ai  figli una sana prima colazione. Qualora gli alunni vogliano mangiare a  scuola, lo  possono fare al momento dell’intervallo.
14.   Ogni alunno deve tenere un linguaggio e un comportamento corretto. Deve rispettare i compagni, gli insegnanti e tutto il personale della scuola.
15.   Gli alunni devono collaborare a mantenere l’aula e gli ambienti della scuola puliti. Per carte e materiali inservibili si devono usare gli appositi        contenitori presenti in ogni aula.
16.   Gli alunni devono rispettare il materiale della scuola (banchi, sedie, lavagne, carte geografiche, muri, …)
 

B.    DISPOSITIVI DISCIPLINARI

In caso di mancato rispetto delle norme. 
Ai sensi dell’art. 4 dello Statuto delle studentesse e degli studenti, in caso di mancato rispetto delle norme, vengono individuate le seguenti sanzioni. 
Mancata giustificazione dell’assenza o del ritardo:
Il giorno successivo gli alunni devono venire a scuola accompagnati dai genitori. 
Danneggiamento di oggetti ed attrezzature della scuola:
Gli alunni che deliberatamente producono danni agli oggetti (banchi, sedie, libri, …) devono risarcire alla scuola il danno procurato o riacquistare l’oggetto se non riparabile o pagare l’importo dell’intervento di manutenzione resosi necessario. 
Oggetti scomparsi o indebitamente prelevati
Chiunque si appropria di oggetti altrui compie un reato. Il Consiglio di Classe/Inter-classe decide il provvedimento da adottare nei confronti del responsabile concordandolo con la famiglia. 
Ordine delle aule
Qualora le aule vengano lasciate in grave disordine dovuto ad incuria, il personale non provvede alla normale pulizia e, la mattina seguente, gli alunni sono invitati a riordinare. 
Persistenza di comportamenti non rispettosi delle norme
Qualora gli alunni persistano in comportamenti non rispettosi delle norme previste dal presente regolamento, il Consiglio di Classe/Interclasse si riunisce e decide la sanzione disciplinare da infliggere dopo aver contattato la famiglia. 
La sanzione può comportare anche l’allontanamento temporaneo dalla scuola.
Il Consiglio di classe/interclasse valuta quei comportamenti che si configurano come mancato rispetto dei doveri dello studente (art. 3 dello Statuto) quali, ad esempio: falsificazione delle firme, cancellazione di note sul diario, mancato rispetto dei compagni, degli insegnanti e di tutto il personale della scuola, atteggiamenti di intimidazione nei confronti dei più deboli. 
In caso di gravi atti di indisciplina che contravvengono alle norme di sicurezza, il Dirigente Scolastico è autorizzato ad adottare provvedimenti immediati secondo quanto disposto dall’art. 328 del T.U. (sospensione dalle lezioni fino a cinque giorni).

Organo di garanzia 

Ai sensi di quanto disposto dall'art. 5 dello Statuto delle studentesse e degli studenti il Consiglio d’Istituto individua al suo interno tre genitori e tre docenti oltre al Dirigente Scolastico che compongono l'organo di garanzia interno della scuola al quale i genitori possono rivolgersi nei casi di ricorsi contro le sanzioni disciplinari inflitte dagli organi competenti 

Norma particolare

Tutte le studentesse e gli studenti possono fare proposte alla presidenza e ai propri insegnanti, su temi e problemi concernenti la vita della scuola nel suo complesso. Sarà cura della Presidenza e/o degli insegnanti individuare spazi, tempi e modi nell’ ambito dei quali discutere le proposte eventualmente formulate, da singoli alunni, o da gruppi classe.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.