lunedì 17 giugno 2013

Pensioni: richiesta di risarcimento del danno morale per mobbing sociale



Il 5 ottobre 2012 la Ragioneria di Stato mette nero su bianco la cifra esatta degli esodati314.576. Di questi, ad oggi, sono salvaguardati in 130.130 persone,  i restanti 184.500 non lo sono..  ormai partite le prime pratiche di salvaguardia e l’Inps mette i numeri online: sono 11mila ad oggi ad aver ricevuto la pensione. Con riferimento a questi numeri il 13 giugno 2013, è stata ufficialmente notificata al Ministero del Lavoro, e poi depositata in tribunale, la richiesta di risarcimento del danno morale relativo alla denuncia per mobbing sociale, che alcuni comitati di esodati (Contributori volontari e Quindicenni) hanno presentato lo scorso dicembre contro l’ex ministro Fornero. 





 Il portavoce dei Contributori Volontari afferma “Sono serviti sei mesi per mettere assieme i documenti, tra cui i certificati medici di tanti esodati che hanno sofferto di patologie psicologiche derivanti dall’enorme stress subito. La Riforma Fornero delle pensioni, è ormai di pubblico dominio, era finalizzata a fare cassa immediata e ha finito per stravolgere la vita di centinaia di migliaia di persone. Si tratta di un procedimento giudiziale prima di tutto di natura dichiaratamente etico-morale ed è importante sottolineare che gli attori in giudizio chiedono un simbolico risarcimento danni di 10.000 euro ciascuno, che sarà quasi totalmente devoluto ad una costituenda associazione senza fini di lucro, con il fine di sostenere le famiglie indigenti dei colpiti dalla riforma previdenziale Monti-Fornero”.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.