venerdì 12 luglio 2013

Sentenza del CdS sulle buste trasparenze lombarde


REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Il Consiglio di Stato

in sede giurisdizionale (Sezione Sesta)

ha pronunciato la presente

SENTENZA

 

FATTO

1.– Con decreto del direttore generale per il personale scolastico del 13

N. 05836/2012 REG.RIC. http://www.giustizia-amministrativa.it/DocumentiGA/Consiglio di Stat...

6 di 32 11/07/2013 22:01

luglio 2011, il Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca ha

bandito il «concorso per esami e titoli per il reclutamento di dirigenti scolastici per la

scuola primaria, secondaria di primo grado, secondaria di secondo grado e per gli istituti

educativi».
 
 


La procedura concorsuale – che si è svolta, in tutte le sue fasi, a livello

regionale – si articolava, una volta superata una prova preselettiva a

carattere culturale e professionale, nella seguenti fasi: i) due prove scritte e

una prova orale; ii) valutazione dei titoli; iii) periodo obbligatorio di

formazione e tirocinio per i candidati utilmente collocati nelle graduatorie

generali di merito e dichiarati vincitori nei limiti dei posti messi a concorso

(artt. 2, 8 e 9 del bando). In particolare, per quanto interessa in questa sede,

la prima prova scritta è consistita nello svolgimento di un elaborato su una

o più tra le aree tematiche individuate. La seconda prova scritta è consistita

nella soluzione di un caso relativo alla gestione dell’istituzione scolastica.

Sono stati ammessi alla prova orale coloro che hanno ottenuto un

punteggio non inferiore a 21/30 in ciascuna prova scritta (art. 10 del

bando).

In Lombardia sono stati messi a concorso 355 posti di dirigente scolastico.

Una volta espletate le prove preselettive, la commissione di concorso,

suddivisa in due sottocommissioni, ha avviato la fase di correzione degli

elaborati consegnati da 996 candidati. I candidati ammessi alla prova orale

sono stati 476.

2.– Taluni concorrenti, che non avevano superato la prova scritta, hanno

proposto tredici autonomi ricorsi al Tribunale amministrativo regionale

della Lombardia, Milano. In particolare, sono stati fatti valere una serie di

motivi, che possono essere suddivisi in tre gruppi, relativi: i) alle modalità

di svolgimento delle prove; ii) alle modalità di correzione degli elaborati; iii)

alla composizione della commissione.

In relazione al primo gruppo sono state dedotte le seguenti illegittimità: i)

l’elaborazione delle tracce sarebbe di competenza dell’amministrazione

statale e non di quella regionale; ii) i criteri di valutazione risultano redatti

nella riunione del 9 gennaio 2012, successivamente all’effettuazione degli

scritti; inoltre, nel predetto verbale si afferma che il documento di

valutazione era stata già predisposto dalla commissione «e successivamente

rielaborato» nel corso della predetta riunione; iii) i criteri di valutazione non

sarebbero congrui nella parte in cui fanno riferimento, per la valutazione

della prima traccia, alla «originalità critica» (che sarebbe sproporzionata

rispetto alla finalità perseguita) e alla «competenza negoziale e relazionale» (che

non sarebbe valutabile in sede di correzione di un elaborato scritto); iv) la

prima traccia, oltre ad essere generica, prescriveva di elaborare una «offerta

formativa» facendo riferimento ad un «grado e ordine di scuola più confacente alla

propria esperienza», il che vanificherebbe le garanzie dell’anonimato.

In relazione al secondo gruppo, si è dedotta: i) la violazione del principio

dell’anonimato, avendo l’amministrazione utilizzato buste, contenenti il

cartoncino per l’indicazione dei dati anagrafici, non idonee, per la loro

consistenza, a garantire il rispetto di tale principio; ii) l’inosservanza della

regola del collegio perfetto, in quanto, nel verbale del 9 gennaio 2012, n. 16,

era previsto che «ciascuna commissione correggerà le prove in modo indipendente

dall’altra mentre il presidente sarà sempre presente nel momento della valutazione»; in

particolare, si è stabilito che il presidente assiste alla correzione e

valutazione degli elaborati nell’ambito di una sottocommissione mentre

nell’altra, dopo avere letto le prove, le valuterà collegialmente (si cita la

sentenza 29 maggio 2009, n. 477 del Consiglio di giustizia amministrativa

per la Regione siciliana che, in relazione ad una fattispecie analoga alla

presente relativa al concorso per dirigenti che si è espletato in Sicilia, ha

affermato che viola le regole relative alla composizione dei collegio la

circostanza che l’unico presidente si sposti dall’una all’altra delle

commissioni); iii) il tempo dedicato alla correzione non è stato

N. 05836/2012 REG.RIC. http://www.giustizia-amministrativa.it/DocumentiGA/Consiglio di Stat...

8 di 32 11/07/2013 22:01

sufficientemente adeguato, anche in quanto quasi la metà degli elaborati

complessivi risulterebbe corretto nelle ultime quattro settimane; iv)

impossibilità di associare le schede valutative agli elaborati; v) l’apposizione

«su ciascuna busta di un post-it indicante il numero corrispondente all’elenco alfabetico

del candidato; successivamente i post.-it sono stati rimossi per essere sostituiti con un

codice a barra buste contenente le due prove scritte a loro volto imbustate», il che

consentirebbe «di identificare il nome del candidato semplicemente facendo

riferimento a tale codice a barre, con meccanismi tecnici facilmente reperibili (dalle

penne con lettore ottico ai moderni smartphone) »; vi) «la totale assenza di segni di

valutazione», il che «implica, in concreto, l’impossibilità di comprendere le modalità

adottate dalle commissioni esaminatrice nella valutazione delle prove».

In relazione al terzo gruppo, si è dedotta: i) l’incompatibilità di taluni

membri della commissione in ragione di incarichi politici da essi rivestiti; ii)

l’inosservanza delle prescrizioni che impongono che tra i componenti della

commissione devono essere presenti «esperti di organizzazione pubblica» (in

particolare privi di tale requisito sarebbero il dott. Agresta e il prof.

Bianchi).

3.– Si è costituita nei detti giudizi l’Amministrazione statale rilevando, in

via preliminare: i) l’inammissibilità di taluni ricorsi perché proposti in

forma collettiva nonostante la presenza di posizioni confliggenti; ii) il

mancato rispetto delle regole del contraddittorio, per l’omessa evocazione

in giudizio di coloro che avevano superato la prova scritta, nonché di

coloro che avevano superato anche la prova orale.

4.– Il Tribunale amministrativo ha disposto, con ordinanze istruttorie,

l’acquisizione delle buste contenenti gli elaborati, che sono state depositate

in data 10 luglio 2012.

Il primo giudice, con sentenza in forma semplificata, 18 luglio 2012, n.

2035, dopo avere riuniti i ricorsi, ha ritenuto prive di fondamento le

eccezioni sopra indicate, in quanto: i) i ricorrenti sono titolari di posizioni

omogenee, perseguendo il fine comune di ottenere, attraverso

l’annullamento della procedura concorsuale, il rinnovo della relativa fase

procedurale; ii) i candidati che hanno superato le prove, sopra indicate, non

sono ancora controinteressati in senso processuale.

Nel merito, si è dedotto che «alla camera di consiglio del 17 luglio 2012, alla

presenza dei difensori di tutte le parti del presente contenzioso, si è proceduto alla

verifica del materiale depositato in data 10 luglio 2012 dall’amministrazione resistente

(…).Dall’esame svolto, è emerso nitidamente che il contenuto del cartoncino, contenente

i dati anagrafici dei candidati, risulta agevolmente leggibile, se posto in controluce,

anche all’interno della busta bianca piccola in cui il predetto cartoncino è stato posto

dallo stesso candidato. Ciò avviene a causa del colore bianco, della consistenza molto

modesta – al limite della trasparenza – dello spessore della carta utilizzata per

realizzare la busta piccola, che deve contenere il cartoncino, e dall’assenza di un

ulteriore rivestimento interno alla stessa, come solitamente dovrebbe avvenire con

riguardo a tutte le buste destinate ad essere utilizzate in sede concorsuale». Per queste

ragioni il primo giudice ha annullato gli atti relativi allo svolgimento delle

prove scritte.

Si è, inoltre, affermato quanto segue: «al fine di conformare la successiva azione

dell’Amministrazione resistente, in sede di eventuale riedizione della procedura

concorsuale, va altresì sottolineato che il procedimento di correzione degli elaborati

scritti da parte della Commissione (rectius, Sottocommissione, come da verbale n. 16

del 9 gennaio 2012), deve avvenire necessariamente alla presenza di tutti i componenti

della stessa – che è un collegio perfetto – dovendosi procedere congiuntamente sia alle

operazioni di lettura e di correzione degli elaborati, che di valutazione vera e propria,

atteso che il momento valutativo non può essere scisso dalle attività alle stesse

direttamente prodromiche, quali la lettura e la correzione dell’elaborato».

5.– Ha proposto appello il Ministero, deducendo che le buste e i cartoncini

«si presentano di conformazione tale da non essere, né far apparire, ictu oculi, alcuna

possibile violazione del loro contenuto e quindi del principio di riservatezza e di

anonimato delle prove». Ciò sarebbe confermato, da un lato, dal fatto che

l’acquisito delle buste è avvenuto tramite la Consip, dall’altro, che «in sede di

esame nessun commissario, nessun componente del comitato di vigilanza o addetto alla

vigilanza d’aula e soprattutto nessun candidato (…)ha rilevato o contestato alcunché».

Infine, si assume che l’asserita irregolarità non avrebbe avuto «ricadute

effettive sulla tutela dell’anonimato», in quanto dai verbali della commissione

risulterebbe che «le buste piccole contenenti i cartoncini con i nominativi dei

candidati sono state separate dalle buste con i compiti e numerate progressivamente in

parallelo con queste ultime, per essere associate agli elaborati solo alla fine di tutte le

sedute di correzione».

5.1.– Le parti qui indicate in epigrafe hanno proposto appello incidentale

autonomo, rilevando, sul piano processuale, l’erroneità della sentenza in

quanto: i) non è stato correttamente instaurato il contraddittorio, atteso che

per uno dei ricorsi, recante il n. 1596 del 2012, non era stata depositata la

cartolina di ricevimento con riferimento a tre dei controinteressati; ii)

mancavano i presupposti per l’adozione di una sentenza in forma

semplificata essendo incompleto, per le ragioni indicate, sia il

contraddittorio sia l’istruttoria; iii) è stata disposta, supplendo, tra l’altro ad

una carenza istruttoria dei ricorrenti, una «verificazione domestica» e non

invece una verificazione avente i requisiti indicati dall’art. 66 Cod. proc.

amm., il che avrebbe consentito di individuare un autonomo organismo

con possibilità di formulare i quesiti da sottoporgli; iv) non è stata proposta

querela di falso.

Nel merito, oltre a contestare la trasparenza delle buste, si assume che: i) le

stanze dove si è svolta la correzione sono «delle stanze prive di finestre e

comunque dotate di una scarsa illuminazione naturale», essendo presenti

solo «dei lucernai, peraltro di vetro opaco, di modestissime dimensioni che fanno da

cornice alle porte, senza volere trascurare poi il fatto che le porte danno su un cortile

interno buio»; ii) la giurisprudenza del Consiglio di Stato ha affermato che

l’accertamento deve essere svolto in concreto e non in astratto (si cita Cons.

Stato, V, 1 ottobre 2002, n. 5132, relativo all’apposizione di segni di

riconoscimento e Cons. Stato, IV, 6 luglio 2004, n. 5017, relativo allo

“scollamento” di buste, ritenuto non invalidante per mancanza di

intenzionalità del candidato di farsi riconoscere); iii) la leggibilità dei

nominativi presupporre un comportamento «fraudolento» della commissione.

5.2.– Le parti indicate in epigrafe hanno proposto intervento ad

adiuvandum, ribadendo le tesi difensive contenute nell’atto di appello.

5.3.– Le parti indicate in epigrafe hanno proposto opposizione di terzo,

rilevando la tardività del ricorso di primo grado nella parte in cui è stata

contestata la violazione del principio dell’anonimato, in quanto «l’astratta

possibilità, foriera della lesione immediata ed attuale del principio dell’anonimato,

esisteva già al momento della consegna delle buste ai candidati». Le stesse parti

hanno anche dedotto la mancata impugnazione della graduatoria definitiva.

Nel merito si ribadiscono le argomentazioni difensive contenute negli

appelli e negli interventi proposti.

6.– Le parti ricorrenti in primo grado si sono costituite in giudizio.

In via preliminare, si assume l’inammissibilità dell’appello per non essere

stato notificato a tutte le parti del giudizio di primo grado. Nel merito si

contesta la fondatezza degli appelli e delle opposizioni e si ripropongono i

motivi, sopra indicati, non esaminati dal primo giudice.

7.– Con decreto cautelare monocratico 3 agosto 2012, n. 3218 il Presidente

della Sezione ha affermato quanto segue: «stante l’imminenza dell’inizio

dell’anno scolastico, appaiono sussistere i presupposti della gravità e urgenza richiesti

per la pronuncia del decreto decisorio, limitatamente all’effettuazione degli adempimenti

preparatori delle nomine e con esclusione di queste ultime; l’Amministrazione

provvederà a dare notizia agli interessati che detti adempimenti sono eseguiti in

attuazione degli effetti cautelari del presente decreto e che l’eventuale adozione dei

provvedimenti di nomina resta subordinata all’esito dell’esame collegiale della

controversia da parte della Sezione».

8.– Con ordinanza 28 agosto 2012, n. 3295 la Sezione ha rigettato la

domanda cautelare, ritenendo, all’esito di una sommaria delibazione, che «le

buste contenenti i nominativi dei candidati hanno natura tale da rendere astrattamente

leggibili i nominativi stessi» e che «tale circostanza risulta dalla verifica diretta delle

buste prodotte agli atti del giudizio».

Con la stessa ordinanza è stata fissata, per la trattazione nel merito della

controversia, l’udienza pubblica del 20 novembre 2012.

9.– In vista della predetta udienza il Ministero appellante ha depositato una

relazione tecnica, redatta da una commissione perizia su carte valori presso

l’Istituto poligrafico dello Stato. Nella relazione si conclude affermando che

«in condizioni di luce riflessa le scritte compilate sui cartoncini racchiusi all’interno

delle buste sono risultati non leggibili a colpo d’occhio». Si aggiunge che «in assenza

di strumentazione l’unica possibilità per leggere le scritte risulta l’esposizione delle

buste a luce solare direttamente sul retro della busta (luce trasmessa) nonché l’uso di

una lampada da tavolo utilizzata come piano visore (luce trasmessa) ». La

commissione ritiene che «queste due modalità non possono essere definite “ictu

oculi».

10.– All’esito della predetta udienza, la Sezione, anche al fine di verificare

l’attendibilità delle conclusioni contenute nella predetta relazione, ha

disposto, con ordinanza 26 novembre 2012, n. 5959, una verificazione

tecnica volta: «a) ad accertare, mediante un’indagine tecnica sulla composizione e

sulle caratteristiche materiali delle buste, la loro natura e consistenza; b) a verificare se

e con quali modalità siano leggibili i nominativi dei canditati posti all’interno delle

buste». A tale fine, è stato nominato «il Direttore del Dipartimento di scienze

merceologiche dell’Università La Sapienza di Roma». La causa è stata rinviata al

15 gennaio 2013 ed è stato disposto che il verificatore dovesse depositare la

relazione entro il 4 gennaio.

10.1.– Con atto depositato il 14 dicembre 2012 il verificatore ha rinunciato

all’incarico, facendo presente di non avere «a disposizione le attrezzature

necessarie per svolgere la verifica tecnica».

10.2.– All’esito dell’udienza del 15 gennaio 2013, pertanto, questa Sezione

ha, con ordinanza depositata il successivo 21 gennaio, nominato, quale

nuovo verificatore, il prof. Teodoro Valente, Direttore del Dipartimento di

Ingegneria Chimica Materiali Ambiente dell’Università degli Studi di Roma

“La Sapienza”. Con questa ordinanza sono stati posti gli stessi quesiti della

precedente ordinanza, assegnando al verificatore termine sino al 1° marzo

2013 per il deposito della relazione tecnica. La causa è stata, pertanto,

rinviata all’udienza pubblica del 22 marzo 2013.

10.3.– Il verificatore ha, poi, depositato, il 21 febbraio 2013, una istanza

volta ad ottenere una proroga di trenta giorni per il deposito della relazione

che, con ordinanza 11 marzo 2013, è stata concessa, rinviando la causa al

30 aprile 2013.

10.4.– La relazione tecnica è stata depositata l’11 aprile 2013. Con istanza

depositata in pari data la difesa dell’Amministrazione ha chiesto lo

spostamento dell’udienza già fissata ad altra data, al fine di potere avere un

tempo adeguato per esaminare il contenuto della relazione tecnica e

depositare una memoria difensiva. All’udienza pubblica del 30 aprile la

causa è stata, pertanto, differita al 4 giugno.

11.– All’udienza del 4 giugno la causa è stata trattenuta in decisione.

DIRITTO

1.– La questione posta all’esame del Collegio attiene alla legittimità della

procedura concorsuale, indetta con decreto del Direttore generale per il

personale scolastico del 13 luglio 2011 e descritta nella parte in fatto (punto

1), per il reclutamento di dirigenti scolastici nella Regione Lombardia.

2.– In via preliminare, devono essere esaminate le eccezioni di

inammissibilità e di (parziale) irricevibilità del ricorso di primo grado

sollevate dagli appellanti e dagli opponenti.

2.1.– Con una prima eccezione è stata dedotta la violazione delle regole che

presiedono all’instaurazione del contraddittorio, in quanto non è stata

assicurata la partecipazione al giudizio di tutti coloro che, al momento della

proposizione del ricorso, avevano già superato la prova scritta. Gli

appellanti incidentali hanno aggiunto che, per uno dei ricorsi proposti, i

ricorrenti non hanno dimostrato, in relazione a taluni controinteressati, il

perfezionamento della notificazione.

Le eccezioni non sono fondate.

La qualifica di controinteressato in senso processuale richiede un requisito

formale, costituito dalla presenza del nominativo nel provvedimento

amministrativo, e un requisito sostanziale, costituito dalla sussistenza di un

interesse contrario al mantenimento della situazione attuale, definita dal

provvedimento stesso (v. art. 41 Cod. proc. amm.).

Nel caso delle procedure concorsuali, la giurisprudenza di questo Consiglio

di Stato, da cui non vi è motivo di discostarsi, ha affermato che quando

sono in corso di espletamento, «non essendo ancora stata stilata la graduatoria

definitiva, vi è ancora incertezza riguardo ai nominativi dei vincitori, non sono

ravvisabili posizioni di controinteresse in senso tecnico giuridico in sede di

impugnazione del provvedimento di esclusione di taluno dei candidati, posto che non

risulta sufficientemente differenziata la posizione degli altri partecipanti, non ancora

utilmente selezionati» (Cons. Stato, VI, 24 novembre 2011, n. 6206; 26

gennaio 2009, n. 348; 15 dicembre 2009, n. 7945; e Cons. giust. amm. sicil.

25 maggio 2009, n. 477, che ha affermato il principio sopra riportato con

riferimento al concorso per dirigenti scolastici che si è espletato nel 2004 in

Sicilia).

Da quanto esposto consegue che l’eventuale mancato perfezionamento

della notificazione nei confronti di taluno dei controinteressati non

costituisce causa di invalidità della sentenza adottata.

2.2.– Con una seconda eccezione è stata dedotta l’inammissibilità dei ricorsi

collettivi, attesa la posizione disomogenea dei ricorrenti.

L’eccezione non è fondata.

Il Consiglio di Stato ha ritenuto che il ricorso collettivo è ammissibile nel

solo caso in cui, oltre a sussistere «una situazione di identità sostanziale e

processuale in rapporto a domande giudiziali fondate sulle stesse ragioni difensive»,

manchi un conflitto di interessi tra le parti (ex multis, Cons. Stato, IV, 29

dicembre 2011, n. 6990).

Nella fattispecie qui in esame, i ricorrenti di primo grado hanno fatto

valere, tra l’altro, illegittimità derivanti dalle violazioni dei principi

sull’anonimato, circostanza che esclude la presenza di situazioni

confliggenti: l’accoglimento del ricorso, infatti, determinerebbe un’utilità

per tutte le parti ricorrenti.

2.3.– Con una terza eccezione è stato dedotto che il ricorso di primo grado

avrebbe dovuto essere dichiarato improcedibile per omessa impugnazione

della graduatoria finale.

L’eccezione non è fondata.

Il ricorso di primo grado è stato proposto e la sentenza è stata adottata

prima dell’approvazione della graduatoria. Il decreto monocratico di questa

Sezione n. 3218 del 2012 ha espressamente autorizzato gli adempimenti

preparatori alle nomine, puntualizzando che gli stessi sono eseguiti in

attuazione degli effetti cautelari del decreto stesso e che l’eventuale

adozione di provvedimenti di nomina restava subordinata all’esame

collegiale della controversia da parte della Sezione. Non può, pertanto,

ritenersi che sussista un atto di approvazione di graduatoria, dotato di

propria autonomia precettiva, che occorresse impugnare.

2.4.– Con una quarta eccezione è stato affermato che non sussistevano i

presupposti per l’adozione di una sentenza in forma semplificata in ragione

dell’incompletezza del contraddittorio e dell’istruttoria, con conseguente

obbligo di annullare la sentenza e rinviare l’esame della controversia al

primo giudice.

L’eccezione non è fondata.

I presupposti per l’adozione della sentenza impugnata, contemplati dall’art.

60 Cod. proc. amm., erano presenti, in quanto: i) il contraddittorio era

completo per le ragioni sopra esposte in ordine alla ritualità delle

notificazioni; ii) l’istruttoria, svolta nel modo già illustrato (punto 4 della

parte in fatto) è stata ritenuta anch’essa completa dal primo giudice.

2.5.– Con una quinta eccezione gli appellanti incidentali deducono che

l’accertamento in ordine alla natura delle buste avrebbe presupposto la

proposizione della querela di falso.

L’eccezione non è fondata.

Le parti appellate non hanno contestato, in ragione della peculiare natura

della violazione contestata, la verbalizzazione di determinate operazioni da

parte dei commissari. Ne consegue che l’accertamento giudiziale, richiesto

in questa sede, non è impedito da tale omessa proposizione di querela.

2.6.– Infine, gli opponenti hanno rilevato la tardività del ricorso di primo

grado nella parte in cui è stata contestata la violazione del principio

dell’anonimato, in quanto «l’astratta possibilità, foriera della lesione immediata ed

attuale del principio dell’anonimato, esisteva già al momento della consegna delle buste

ai candidati».

L’eccezione non è fondata.

Nelle procedure concorsuali l’interesse a ricorrere sorge nel momento in cui

vengono adottati i provvedimenti finali di esclusione dal concorso per

mancato superamento della prova scritta. Non esiste, pertanto, un onere di

impugnazione immediata dei verbali della commissione e comunque degli

atti aventi valenza endoprocedimentale.

3.– Gli appelli e le opposizioni di terzo proposte, a prescindere dalle

questioni preliminari poste dalle parti appellate, non sono fondati.

4.– In via preliminare non è inutile rammentare, su un piano generale, le

previsioni costituzionali rilevanti in tema di concorso pubblico così come

considerate dalla Corte costituzionale, oltre che, sul piano specifico, le

norme di legge e regolamentari poste a garanzia del principio

dell’anonimato.

4.1.– In generale, va sottolineato che l’art. 97, terzo comma, della

Costituzione prevede che, salvo i casi stabiliti dalla legge, «agli impieghi nelle

pubbliche amministrazioni si accede mediante concorso». Ciò significa che la «forma

generale e ordinaria di reclutamento per le pubbliche amministrazioni» (Corte cost.,

9 novembre 2006, n. 363) è rappresentata «da una selezione trasparente,

comparativa, basata esclusivamente sul merito e aperta a tutti i cittadini in possesso di

requisiti previamente e obiettivamente definiti» (Corte cost., 13 novembre 2009,

n. 293).

La giurisprudenza costituzionale ha rilevato la stretta correlazione a questa

norma costituzionale degli articoli 3, 51 e 97, primo comma, Cost.

Il concorso pubblico, infatti: i) consente «ai cittadini di accedere ai pubblici uffici

in condizioni di eguaglianza» (artt. 3 e 51); ii) garantisce il rispetto del principio

del buon andamento (art. 97, primo comma), in quanto «il reclutamento dei

dipendenti in base al merito si riflette, migliorandolo, sul rendimento delle pubbliche

amministrazioni e sulle prestazioni da queste rese ai cittadini» (Corte cost. n. 293

del 2009, cit.); iii) assicura il rispetto del principio di imparzialità, in quanto

«impedisce che il reclutamento dei pubblici impiegati avvenga in base a criteri di

appartenenza politica e garantisce, in tal modo, un certo grado di distinzione fra

l’azione del governo, normalmente legata agli interessi di una parte politica, e quella

dell’amministrazione, vincolata invece ad agire senza distinzioni di parti politiche, al

fine del perseguimento delle finalità pubbliche obiettivate nell’ordinamento; sotto tale

profilo il concorso rappresenta, pertanto, il metodo migliore per la provvista di organi

chiamati ad esercitare le proprie funzioni in condizioni di imparzialità e al servizio

esclusivo della Nazione» (Corte cost. n. 293 del 2009, cit. e 15 ottobre 1990,

n. 453).

Da tutto quanto esposto è dato trarre la considerazione che la pratica

effettiva dell’anonimato per le prove scritte d’esame dei concorsi pubblici –

come in generale per tutti gli esami scritti a rilievo pubblico – realizza in

termini pratici principi e regole di dignità costituzionale. Dal che la sua

indefettibilità in concreto.

4.2.– Nello specifico poi, l’art. 14 d.P.R. 9 maggio 1994, n. 487 (Regolamento

recante norme sull'accesso agli impieghi nelle pubbliche amministrazioni e le modalità

di svolgimento dei concorsi, dei concorsi unici e delle altre forme di assunzione nei

pubblici impieghi) disciplina gli adempimenti dei concorrenti e della

commissione al termine della prova scritta (analoghe disposizioni sono

contenute nel d.P.R, 3 maggio 1957, n. 686, recante «Norme di esecuzione del

testo unico delle disposizioni sullo statuto degli impiegati civili dello Stato, approvato

con decreto del Presidente della Repubblica 10 gennaio 1957, n. 3»).

In particolare, la commissione è tenuta a:

- consegnare al candidato in ciascuno dei giorni di esame due buste di

eguale colore: una grande munita di linguetta staccabile ed una piccola

contenente un cartoncino bianco (comma 1);

- il presidente della commissione o del comitato di vigilanza, o chi ne fa le

veci, appone trasversalmente sulla busta, in modo che vi resti compreso il

lembo della chiusura e la restante parte della busta stessa, la propria firma e

l'indicazione della data della consegna (comma 2, ultimo inciso);

- al termine di ogni giorno di esame è assegnato alla busta contenente

l’elaborato di ciascun concorrente lo stesso numero da apporsi sulla

linguetta staccabile, in modo da poter riunire, esclusivamente attraverso la

numerazione, le buste appartenenti allo stesso candidato (comma 3);

- successivamente alla conclusione dell’ultima prova di esame e comunque

non oltre le ventiquattro ore si procede alla riunione delle buste aventi lo

stesso numero in un unica busta, dopo aver staccata la relativa linguetta

numerata; tale operazione è effettuata dalla commissione esaminatrice o dal

comitato di vigilanza con l’intervento di almeno due componenti della

commissione stessa nel luogo, nel giorno e nell’ora di cui è data

comunicazione orale ai candidati presenti in aula all'ultima prova di esame,

con l'avvertimento che alcuni di essi, in numero non superiore alle dieci

unità, potranno assistere alle anzidette operazioni (comma 4);

- i pieghi sono aperti alla presenza della commissione esaminatrice quando

essa deve procedere all'esame dei lavori relativi a ciascuna prova di esame

(comma 5);

- il riconoscimento deve essere fatto a conclusione dell’esame e del giudizio

di tutti gli elaborati dei concorrenti (comma 6).

Il candidato è tenuto:

- dopo aver svolto il tema, senza apporvi sottoscrizione, né altro

contrassegno, a mettere il foglio o i fogli nella busta grande; a scrivere il

proprio nome e cognome, la data e il luogo di nascita nel cartoncino,

chiudendolo nella busta piccola; a porre, quindi, anche la busta piccola nella

grande che richiude e a consegnare il tutto al presidente della commissione

o del comitato di vigilanza o a chi ne fa le veci (comma 2, primo inciso).

Sul piano funzionale, va considerato il dato essenziale che l’ordinamento,

con queste norme, intende assicurare il rispetto effettivo del principio

dell’anonimato - vale a dire della non riconoscibilità, anche ipotetica,

dell’autore - degli scritti concorsuali, che costituisce «garanzia ineludibile di

serietà della selezione e dello stesso funzionamento del meccanismo meritocratico»

(Cons. Stato, VI, 6 aprile 2010, n. 1928) e rappresenta «il diretto portato del

criterio generale di imparzialità della pubblica amministrazione, la quale deve operare

le proprie valutazioni senza lasciare alcuno spazio a rischi, anche soltanto potenziali,

di condizionamenti esterni» (Cons. Stato, V, 5 dicembre 2006, n. 7116; Cons.

Stato, V, 1 marzo 2000, n. 1071).

Sul piano strutturale, per perseguire nella realtà pratica un tale obiettivo,

l’ordinamento prevede norme cogenti che, in rapporto ai suddetti principi

costituzionali, configurano regole di condotte tipizzate, riconducibili

all’amministrazione e ai candidati, che indefettibilmente vanno osservate nelle

procedure concorsuali. La violazione di tali norme comporta un’illegittimità

da pericolo astratto e presunto: solo con una siffatta rigorosa precauzione

generale, infatti, è ragionevolmente garantita l’effettività dell’anonimato nei

casi singoli. Con queste cautele, elevate a inderogabili norma di condotta, la

soglia dell’illegittimità rilevante viene anticipata all’accertamento della

sussistenza di una condotta concreta non riconducibile a quella tipizzata.

L’ordinamento non chiede dunque che il giudice accerti di volta in volta che

la violazione delle regole di condotta abbia portato a conoscere

effettivamente il nome del candidato. Se fosse richiesto un tale, concreto,

accertamento, lo stesso - oltre ad essere di evidente disfunzionale onerosità

- si risolverebbe, con inversione dell’onere della prova, in una sorta di

probatio diabolica che contrasterebbe con l’esigenza organizzativa e giuridica

di assicurare senz’altro e per tutti il rispetto delle indicate regole, di

rilevanza costituzionale, sul pubblico concorso.

4.2.1.– Riguardo alla casistica ad oggi formatasi sui comportamenti dei

candidati, il caso più ricorrente riguarda l’apposizione di segni di

riconoscimento sugli elaborati scritti: a tale proposito, si è affermato che

«ciò che rileva non è tanto l’identificabilità dell’autore dell’elaborato mediante un segno

a lui personalmente riferibile, quanto piuttosto l’astratta idoneità del segno a fungere

da elemento di identificazione» (da ultimo, Cons. Stato, V, 11 gennaio 2013, n.

102; VI, 26 marzo 2012, n. 1740; si v. anche V, 29 settembre 1999, n.

1208). Più in dettaglio, la casistica stessa varia poi in relazione

all’identificazione della nozione di “segno” astrattamente riconoscibile.

Con riferimento ai comportamenti dell’amministrazione, i casi indicati

riguardano l’apposizione sui lembi di chiusura delle buste contenenti gli

elaborati delle sigle dei membri della commissione. A tal proposito, si è

affermato che è sufficiente che tali sigle «siano apposte in maniera

macroscopicamente diversa da busta a busta ovvero che su alcune di esse sia stata

marcata la data con la sola indicazione del giorno e del mese mentre su altre vi si legge

il giorno, il mese e l'anno» per considerare leso il principio dell’anonimato. E’

stato ritenuto sufficiente, anche in questo caso, la violazione della regola di

condotta tipica descritta dalle norme «senza che sia necessario (…)ricostruire a

posteriori il possibile percorso di riconoscimento degli elaborati da parte dei soggetti

chiamati a valutarli» (Cons. Stato, VI, n. 1928 del 2010, cit.).

5.– Ciò rammentato, si può qui passare ad analizzare i motivi dedotti dagli

appellanti e opponenti, che possono essere suddivisi in due gruppi.

Con un primo gruppo si assume che: i) i ricorrenti in primo grado non

hanno dimostrato la trasparenza delle buste e, in ogni caso, esse avrebbero

natura tale non fare risultare, ictu oculi, leggibili i nominativi, come sarebbe

dimostrato dal fatto che i.1) tali buste sono state acquistate tramite la

Consip e che i. 2) nessun candidato o commissario abbia mai contestato la

natura delle buste.

5.1.– I motivi non sono fondati.

Viene qui in rilievo il comportamento dell’amministrazione che ha fornito ai

singoli candidati le buste contenenti il cartoncino su cui apporre i propri

dati anagrafici.

L’art. 14 del d.P.R. n. 487 del 1994 prevede, come già sottolineato, che la

commissione consegni ai singoli candidati una busta piccola contenente un

cartoncino bianco su cui indicare i propri dati anagrafici.

Questa busta deve avere natura e consistenza tale da non consentire la

lettura dei predetti dati.

Occorre allora qui accertare se la condotta concreta posta in essere

dall’amministrazione sia o meno riconducibile alla condotta tipica voluta

dall’ordinamento.

Questa verifica ha presupposto, in primo luogo, l’acquisizione, disposta dal

primo giudice, della documentazione costituita dalle buste nella

disponibilità dell’amministrazione. Sul punto non può, pertanto, ritenersi

che i ricorrenti in primo grado non abbiamo fornito la prova dei fatti

dedotti.

In secondo luogo, la verifica ha richiesto un accertamento tecnico che,

anche per la varietà dei contesti ambientali nel cui ambito esso deve essere

svolto, il Collegio ha demandato a un verificatore.

Il verificatore ha depositato la relazione tecnica in data 11 aprile 2013.

La relazione ha premesso che la tipologia di tecniche e strumenti

potenzialmente utilizzabili per la lettura dei «dati identificativi» è assai ampia.

In particolare, ha ritenuto che la modalità guida sulla base della quale

selezionare le tecniche di indagine debba essere quella «ictu oculi» affiancata

da determinazioni strumentali sul grado di bianco e da misure di opacità.

Sono state, pertanto, escluse tecniche sofisticate da laboratorio, quale la

video-comparazione, la digitalizzazione di immagini e la loro elaborazioni

con software dedicati, l’uso di sistemi di microscopia equipaggiati con lenti

di ingrandimento e software di analisi, gestione ed elaborazione di

immagini. Il verificatore ha, inoltre, dichiarato di avere «provveduto alla

eliminazione dello strato d’aria tra busta e cartoncino mediante pressione meccanica

esercitata con le dita, simulando una operazione di stiraggio ancorata ai lembi laterali

delle buste».

Il verificatore ha concluso ritenendo che la misura del grado di bianco è

compatibile con i valori medi e la misura di opacità «è considerato congruo

rispetto al segreto epistolare di tipo comune».

Per quanto attiene alle valutazioni ictu-oculi, ha effettuato una serie di

accertamenti, valutando tutte le possibili condizioni ambientali nella fase di

correzione degli elaborati.

In particolare, egli ha accertato quanto segue.

A) I nominati dei candidati sono leggibili in condizioni «di luce media con cielo

privo di nubi e con irraggiamento indiretto all’interno di un locale non illuminato

artificialmente» (pag. 12 rel.). Si è puntualizzato che «in base ai risultati ottenuto

non si è ritenuto necessario procedere ad una valutazione nella condizione di luce solare

trasmessa per irraggiamento diretto, con diffusione attraverso vetro, e nella condizione

di luce solare trasmessa per irraggiamento diretto senza diffusione attraverso vetro (la

cosiddetta condizione di “controluce”), in quanto la sola luce solare trasmessa e diffusa

attraverso una finestra nelle condizioni di verifica già consente la lettura dei nominativi

sui cartoncini» (pag. 19 rel.).

B) I nominativi dei candidati sono leggibili in «condizioni di luce media del

giorno a cielo coperto all’interno di un locale non illuminato artificialmente» (pag. 20

rel.) in caso di «cartoncino inserito lato intestazione o lato chiusura busta con

osservazione diretta sullo stesso lato» (pag. 22 rel.).

C) I nominati dei candidati sono leggibili mediante «impiego di lampada da

tavolo da 28W in trasmissione come piano visore» (pag. 26 rel.).

I dati identificativi non sono leggibili mediante impiego: a) di lampada da

tavolo in condizione di riflessione (pagg. 23-24 rel.); b) di lampada da

soffitto in condizione di trasmissione e di riflessione (pagg. 25-28).

Il Collegio, ritiene, con riferimento alle valutazioni preliminari, che la scelta

tecnica, basata sull’accertamento ictu oculi, effettuata dal verificatore sia

corretta, in quanto risulta compatibile con la natura del procedimento e

dell’accertamento giudiziale richiesto. Inoltre, l’eliminazione dello strato

d’aria, essendo effettuata con le modalità sopra indicate, risponde al

normale impiego manuale delle buste.

Con riferimento alle valutazioni finali, il Collegio ritiene che le stesse

correttamente conducano a ritenere che non sono state rispettate le norme

di disciplina del settore.

Le rammentate regole di condotta tipiche impongono infatti che le buste

utilizzate non debbano consentire, in qualunque possibile condizione

ambientale, che siano “leggibili” i nominativi.

Le pratiche di condotta rilevate in concreto hanno però dimostrato che, in

presenza di una luce naturale o artificiale del tipo sopra indicato, era in

realtà possibile leggere i nominativi dei candidati e così identificarli, in

evidente lesione della inderogabile garanzia di anonimato e dunque di

eguaglianza.

Una volta perciò dimostrato, come così è avvenuto, che le buste

permettono di poter conoscere i dati identificativi, non assumono rilevanza

la circostanza che il Ministero abbia acquisito le buste mediante una

fornitura Consip e che in sede di prova d’esame nessuno abbia

specificamente contestato la consistenza della buste.

6.– Con un secondo ordine di motivi, strettamente connessi, si assume che,

anche qualora le buste abbiano una consistenza tale da rendere

astrattamente leggibili i nominativi, in ogni caso: i) le buste contenenti i

nominativi non erano nella disponibilità della commissione; ii) i luoghi ove

sono stati corretti gli elaborati non avevano, per mancanza di finestre, una

luce naturale sufficiente; iii) è mancato l’accertamento in concreto della

violazione delle regole dell’anonimato (come richiesto dalle decisioni 1

ottobre 2002, n. 5132 e 6 luglio 2004, n. 5017 della V e VI Sezione del

Consiglio di Stato); iv) la violazione delle regole dell’anonimato

presupporrebbe un comportamento “fraudolento” della commissione.

6.1.– I motivi non sono fondati.

In relazione al primo aspetto, dai verbali del concorso e, più in generale,

dagli atti acquisiti al processo risulta che la busta piccola era nella

“disponibilità” della commissione. Infatti, gli elaborati di ciascuna delle due

prove scritte erano inseriti in una busta bianca unitamente alla busta

piccola. Le due buste bianche sono state poi inserite in un’unica busta

gialla. Al momento della correzione, la commissione ha proceduto ad

assegnare un numero progressivo alla busta gialla e alle due buste bianche

in quella contenute, per poi procedere all’apertura di una delle due buste

bianche, assegnando un numero progressivo alla busta piccola e procedure

N. 05836/2012 REG.RIC. http://www.giustizia-amministrativa.it/DocumentiGA/Consiglio di Stat...

25 di 32 11/07/2013 22:01

alla correzione dell’elaborato. Appare evidente, pertanto che,

contrariamente a quanto affermato dagli appellanti, la busta piccola sia

stata nella disponibilità della commissione al momento della valutazione dei

temi.

In relazione al secondo aspetto: i) non è possibile individuare con certezza

un luogo unico di correzione che abbia le caratteristiche indicate; ii) erano,

comunque, presenti, come ammettono le parti stesse, dei “lucernai”; iii) la

leggibilità poteva avvenire, come sopra rilevato, sia in assenza di luce solare

sia mediante luce artificiale.

In relazione al terzo aspetto non è necessaria la prova dell’effettiva lettura

dei nominativi. Come già sottolineato è sufficiente un accertamento

astratto e non concreto della violazione (si v. punto 4.2.1.). La decisione n.

5132 del 2002, sopra richiamata, non si discosta da questo principio,

essendosi limitata a disporre una verifica “concreta” con riguardo alla

tipologia di segni di riconoscimento apposti dai candidati. La decisione n.

5017 del 2004, anch’essa richiamata, ha riguardato una fattispecie

particolare relativa alla scollatura di alcune buste consegnate a un numero

ridotto di candidati. In tale decisione si è affermato che non poteva farsi

ricadere sui candidati un rischio non addebitabile a un loro condotta

finalizzata a farsi riconoscere, specificando che questo caso è diverso da

quello in cui vengono consegnati a tutti i candidati buste che consentono la

leggibilità dei nominati. In tale ipotesi, si è disposto, l’intera procedura

dovrà essere «ripetuta, con rispetto della par condicio».

Infine, si deve rilevare come non sia necessario, per la lettura dei

nominativi, un comportamento effettivamente “fraudolento” della

commissione, in quanto, come già sottolineato, è sufficiente un impiego

“ordinario” delle buste affinché si possa venire a conoscenza dei nominativi

dei candidati.

7.– Si può adesso passare ad esaminare i motivi, riproposti in sede di

appello dalle parti resistenti.

In particolare, sono stati fatti valere motivi che possono essere inseriti in

tre gruppi relativi: i) alle modalità di svolgimento delle prove; ii) alle

modalità di correzione degli elaborati; iii) alla composizione della

commissione.

8.– I motivi inclusi nel primo gruppo, a prescindere dalla loro ammissibilità

perché dedotti con ricorsi cumulativi, non sono fondati.

8.1.– Con un primo motivo si assume che l’elaborazione delle tracce

sarebbe di competenza dell’amministrazione statale e non di quella

regionale.

Il motivo non è fondato.

L’articolo 2 del bando di concorso prevede che la procedura concorsuale si

svolga, in tutte le sue fasi, a livello regionale. La formulazione ampia

consente che siano le singole commissioni, istituite presso le sedi regionali,

ad elaborare le tracce per coloro che intendono partecipare al concorso in

quel determinato territorio. Il bando prevede che soltanto la prova

preselettiva sia unica a livello nazionale (art. 8).

In definitiva, in presenza di una formulazione così ampia del bando e in

assenza di violazioni di legge, deve ritenersi che questa fase della procedura

sia esente dai vizi denunciati.

8.2.– Con un secondo motivo si assume che i criteri di valutazione

risultano redatti nella riunione del 9 gennaio 2012, successivamente

all’effettuazione degli scritti; inoltre, nel predetto verbale si afferma che il

documento di valutazione era stata già predisposto dalla commissione «e

successivamente rielaborato» nel corso della predetta riunione. In particolare, si

assume che i candidati avrebbero dovuto sapere che l’elaborato avrebbe

dovuto essere redatto «in modo conciso ma compiuto».

Il motivo non è fondato.

I criteri di valutazione vanno predeterminati prima dell’inizio delle

correzioni degli elaborati in modo da potere assegnare a ciascun tema un

punteggio numerico alla luce dei criteri stessi. La loro funzione è, infatti, di

consentire la comprensione dell’iter logico giuridico seguito dalla

commissione nell’assegnazione di un determinato punteggio (es. Cons.

Stato, II, 26 febbraio 2012, n. 5536).

La circostanza che, nella specie, i criteri siano stati definitivamente elaborati

dopo le prove scritte, in assenza di deduzioni specifiche addotte in

relazione al singolo elaborato, non può avere valenza invalidante.

8.3.– Con un terzo motivo si assume che i predetti criteri non sarebbero

congrui nella parte in cui fanno riferimento, per la valutazione della prima

traccia, alla «originalità critica» (che sarebbe sproporzionata rispetto alla

finalità perseguita) e alla «competenza negoziale e relazionale» (che non sarebbe

valutabile in sede di correzione di un elaborato scritto.

Il motivo non è fondato.

In via preliminare si deve rilevare che la giurisprudenza di questo Consiglio

di Stato è costante nel ritenere che «nei concorsi pubblici la predeterminazione dei

criteri di valutazione delle prove si connota di un'ampia discrezionalità, sicché gli stessi

sfuggono al sindacato giurisdizionale, salvi i casi di manifesta illogicità o irrazionalità»

(da ultimo, Cons. Stato, IV, 28 maggio 2012, n. 3165).

Nella fattispecie in esame, la commissione, nel corso della riunione del 9

gennaio 2012, ha redatto i seguenti criteri con riferimento alla prima prova

scritta: i) chiarezza espressiva e capacità di analisi; ii) pertinenza

argomentativa; iii) attinenza alla traccia ed esaustività della trattazione; iv)

originalità critica; v) uso corretto dei riferimenti normativi ed informativi;

vi) competenza negoziale e relazionale.

Con riferimento alla seconda traccia sono stati individuati gli stessi criteri,

con la sola sostituzione del criterio sub v) con il seguente: efficacia del

riferimento al contesto professionale specifico.

Inseriti in tale contesto complessivo, i due criteri, oggetto di censure, sono

immuni dai vizi denunciati in quanto la loro elaborazione rientra nella sfera

di discrezionalità dell’amministrazione, la quale, nella specie, la ha esercitata

in modo conforme al principio di ragionevolezza. Un sindacato su tale

aspetto implicherebbe una non consentita sostituzione del giudice

all’amministrazione.

8.4.– Con un quarto motivo si assume che la prima traccia, oltre ad essere

generica, prescriveva di elaborare una «offerta formativa» facendo riferimento

ad un «grado e ordine di scuola più confacente alla propria esperienza», il che

vanificherebbe le garanzie dell’anonimato.

Il motivo non è fondato.

La prima traccia ha il seguente contenuto «il candidato, dopo avere eseguito una

disamina dei documenti europei degli ultimi anni e avere stabilito un collegamento con

le normative inerenti le riforme del sistema scolastico italiano, scelga un grado e ordine

di scuola più confacente alla propria esperienza ed elabori un’offerta formativa

operando tutte le necessarie ipotesi legislative, amministrative, organizzative, gestionali,

sindacali, ecc.e quelle relative al contesto territoriale in cui la scuola si trova».

La possibilità di fare riferimento ad una scuola, per la genericità del

riferimento stesso, non è idonea di per sé a costituire un segno di

riconoscimento degli elaborati, con violazione del principio dell’anonimato

(si v. i precedenti di cui al punto 4.2.1.) L’elaborazione della traccia, sopra

riportata, in assenza di deduzioni specifiche relative ai singoli elaborati,

costituisce, pertanto, espressione di discrezionalità tecnica non

irragionevole.

9.– Le censure relative al secondo e terzo gruppo (relative, rispettivamente,

alle modalità di correzione degli elaborati e alla composizione della

commissione) possono non essere esaminate, in quanto la fase della

procedura, nel cui ambito le illegittimità lamentate sarebbero state

commesse, deve essere rinnovata in ragione della violazione delle regole

dell’anonimato.

10.– L’art. 34, lettera e), Cod. proc. amm. prevede che il giudice, con la

sentenza con cui definisce il giudizio di cognizione, «dispone le misure idonee

ad assicurare l’attuazione del giudicato».

Nel caso in esame l’attuazione del giudicato deve avvenire in modo da

preservare, in rispetto del principio di economicità, la validità degli atti della

procedura che non sono stati inficiati dall’illegittimità qui riscontrata. In

questa prospettiva, non è necessario che venga ripetuto lo svolgimento delle

prove scritte, in quanto lo stesso è avvenuto, per le ragioni indicate, nel

rispetto delle relative norme.

Il Ministero dell’istruzione, pertanto, dovrà affidare a un dirigente di prima

fascia incardinato da almeno un anno presso gli uffici centrali ministeriali e

ad altri due dirigenti di analoga collocazione, estranei alla vicenda

amministrativa in esame, il compito di procedere alla sostituzione delle

buste, oggetto di contestazione in questo giudizio, con buste che assicurino

l’assoluto rispetto del principio dell’anonimato, nonché all’effettuazione

delle altre necessarie operazioni materiali. I dirigenti incaricati daranno

adeguata pubblicità delle attività poste in essere indicando luogo, giorno e

ora in cui si effettueranno tali operazioni, consentendo, se richiesto, ad un

numero non superiore a dieci candidati, di assistervi.

Il Ministero, inoltre, provvederà a nominare una nuova commissione

composta da soggetti aventi i prescritti requisiti legali, con il compito di

procedere ad una nuova valutazione degli elaborati di tutti i candidati che

hanno superato la prova preselettiva.

La commissione nominata procederà poi alla correzione degli elaborati nel

rispetto di tutte le norme di legge e di quelle contenute nel bando di

concorso.

11.– In sintesi dunque, le considerazioni di principio che qui vanno

affermate sono le seguenti.

A) Nelle procedure concorsuali l’esigenza di assicurare il rispetto effettivo

del principio costituzionale del pubblico concorso e la regola fondamentale

dell’anonimato ad esso sottesa costituiscono la base di un dovere

indefettibile per l’amministrazione che le impone di utilizzare, in

conformità alla condotta tipica definita a livello normativo, buste,

all’interno delle quali i concorrenti inseriscono i dati identificativi,

materialmente tali da non consentire nemmeno astrattamente che la

commissione o altri possano, in qualunque condizione ambientale, leggere i

dati identificativi dei concorrenti stessi fino al momento procedimentale

dedicato all’apertura delle buste.

B) L’attuazione della sentenza che dichiara l’illegittimità di una fase della

procedura concorsuale deve avvenire, in ossequio al principio di

economicità dell’azione amministrativa, in modo da preservare, ove

possibile, le fasi della procedura stessa immuni dai vizi denunciati.

12.– La natura della controversia, che impone la rinnovazione della

procedura concorsuale nel rispetto delle regole indicate, giustifica l’integrale

compensazione tra tutte le parti delle spese del giudizio. Le spese della

verificazione, che si stimano in euro 8.000,00 sono poste a carico del

Ministero.

P.Q.M.

Il Consiglio di Stato, in sede giurisdizionale, Sezione Sesta, definitivamente

pronunciando:

a) rigetta gli appelli, principale e incidentali, e le opposizioni di terzo

proposti con i ricorsi indicati in epigrafe;

b) dichiara integralmente compensate le spese del presente grado di

giudizio, ponendo a carico del Ministero appellante soltanto il compenso da

corrispondere al verificatore, che viene determinato in euro 8.000,00

(ottomila/00).

Ordina che la presente sentenza sia eseguita dall’autorità amministrativa.

Così deciso in Roma nella camera di consiglio del giorno 4 giugno 2013

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.