domenica 18 agosto 2013

Gelmini: «Riprenderci i cervelli in fuga? Gli strumenti ci sono ma tutti fanno finta di niente»

Tra gli incontri in programma per la prima giornata del Meeting di Rimini, domenica 18 agosto, c’è una tavola rotonda composta da sette parlamentari, dedicata al mondo della formazione e al problema della fuga di talenti verso l’estero. Il ruolo di coordinatore toccherà a Raffaello Vignali (Pdl) e all’evento interverrà come relatrice anche l’ex ministro dell’Istruzione, Mariastella Gelmini, che in questa intervista anticipa a tempi.it i contenuti della sua relazione.


Leggi l'intervista




Rimane il dubbio su come sia possibile conciliare l'azione dei tagli lineari  di Gelminiana memoria con le attuali recriminazioni sulla fuga e il mancato rientro dei cervelli italiani

1 commento:

  1. Premesso che … “il dubbio su come sia possibile conciliare l'azione dei tagli lineari di Gelminiana memoria con le attuali recriminazioni sulla fuga e il mancato rientro dei cervelli italiani” … potrebbe tentare di “essere sciolto” dai partecipanti-adepti che (ogni anno) si riuniscono a Rimini per DEFINIRE i significati di Comunione e Liberazione …
    … ritengo l’articolo sotto riportato IDONEO ad “aprire la Mente” sull’ arcano quesito inerente alle motivazioni della Fuga Massiccia ed emorragica dei MOLTI cervelli ... PAGATI con le Briciole, et dei POCHI gestori delle cabine di regia della Res Pubblica italica ... SUPER-PAGATI come Faraoni.
    Segue la “chiave di lettura” della perenne problematica … che si perpetuerà insoluta perché … i FARAONICI Registi … fanno finta di niente !!!
    “ In riferimento all'articolo sugli stipendi di dirigenti, mi permetto di segnalare che, nelle pubblicazioni dei compensi per il personale degli Usr e degli Usp, risulta evidente che gli stessi si attribuiscono con evidente generosità (Contratto integrativo) somme relative a rimborsi spese e/o alla retribuzione per ogni attività svolta (spesso anche se la voce rientra nella propria funzione e, quindi, già stipendiata).
    Invece la maggior parte dei docenti svolge complesse e numerose attività aggiuntive (come coordinatore, per gite scolastiche, nei dipartimenti, e nelle commissioni, per sostituzioni,...) quasi del tutto gratuitamente.
    E' un sistema piramidale, al cui apice ci staziona, con retribuzioni faraoniche, chi gestisce i soldi e la cabina di regia e alla base chi svolge un pesante lavoro, sottoretribuito per mancanza di fondi! Per la Costituzione dovremmo essere tutti uguali, ma qualcuno lo è di più e lascia SOLO le briciole del proprio banchetto a chi viene dopo di lui nella piramide ... ” A.P.
    LINK dell’articolo edito dalla Tecnica della Scuola: http://www.tecnicadellascuola.it/index.php?id=47788&action=view&c

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.