lunedì 19 agosto 2013

Non voglio una scuola pubblica che se ne frega


Le parole di una canzone di Vasco Rossi sembrano essere state prese a modello da alcuni decisori politici per quanto riguarda il futuro della scuola pubblica.
Canzone di Vasco Rossi

VOGLIO UNA VITA MALEDUCATA
DI QUELLE VITE FATTE FATTE COSI'
VOGLIO UNA VITA CHE SE NE FREGA
CHE SE NE FREGA DI TUTTO SI'
Basta sostituire la parola scuola pubblica alla parola vita e otteniamo il desiderio di certi politici che non amano il bene comune

VOGLIO UNA SCUOLA PUBBLICA MALEDUCATA
DI QUELLE SCUOLE FATTE FATTE COSI'
VOGLIO UNA SCUOLA PUBBLICA CHE SE NE FREGA
CHE SE NE FREGA DI TUTTO SI'
 

 
Gli insegnanti, quelli che non si sentono di appartenere a certe scritte sulle magliette di politici che dicono “ siamo tutti puttane “ aggiungerebbero con tutta la loro forza morale un “ non “

NON VOGLIO UNA SCUOLA PUBBLICA MALEDUCATA
DI QUELLE SCUOLE FATTE FATTE COSI'
NON VOGLIO UNA SCUOLA PUBBLICA CHE SE NE FREGA
CHE SE NE FREGA DI TUTTO SI'

1 commento:

  1. ... sapeste PRATICARE IN CONCRETO quel "non voglio" quanto ... te lo fanno pagare !!!
    OK Vasco Rossi;
    è proprio il caso di ribadire che la realtà effettuale scolastica (di Machiavelliana memoria) suggerirebbe PURE la canzone di Bennato che segue:
    " Guarda invece che scienziati, che dottori, che avvocati, che folla di ministri e deputati ! pensa che in questo momento proprio mentre io sto cantando stanno seriamente lavorando ! per i dubbi e le domande che ti assillano la mente va da loro e non ti preoccupare
    sono a tua disposizione e sempre, senza esitazione loro ti risponderanno:
    io di risposte non ne ho io faccio solo rock'n' roll se ti conviene bene
    io più di tanto non posso fare …

    … Gli impresari di partito mi hanno fatto un altro invito e hanno detto che finisce male
    se non vado pure io al raduno generale della grande festa nazionale !
    Hanno detto che non posso rifiutarmi proprio adesso che anche a loro devo il mio successo,
    che son pazzo ed incosciente sono un irriconoscente un sovversivo, un mezzo criminale.
    Ma che ci volete fare non vi sembrerò normale ma è l'istinto che mi fa volare
    non c'è gioco nè finzione perché l'unica illusione è quella della realtà, della ragione; però a quelli in malafede sempre a caccia delle streghe dico: no ! Non è una cosa seria, e così e se vi pare ma lasciatemi sfogare;
    non mettetemi alle strette e con quanto fiato ho in gola vi urlerò: non c'è paura !
    Ma che politica, che cultura;
    sono solo canzonette … NON METTETEMI ALLE STRETTE …".
    Da un articolo del Novembre 2012;
    LINK: http://aldodomenicoficara.blogspot.it/2012/11/meglio-la-scuola-virtuale-5-stelleo.html

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.