sabato 7 settembre 2013

Le dieci regola di Bill Gates




Quest’anno nella lezione introduttiva del mio corso di informatica al liceo scientifico parlerò delle  dieci regole di vita menzionate da William Henry Gates III, meglio noto come Bill Gates,  imprenditore, programmatore e informatico statunitense, nonché  fondatore e presidente di Microsoft.

Regola 1: La vita è ingiusta: abituatevi!

Regola 2: Il mondo non se ne frega per la vostra autostima. Il mondo si aspetta che combinate qualcosa prima di poterne gioirne voi stessi.

Regola 3: Non si guadagnano $ 60.000 all'anno una volta finita la scuola. Non avrete telefono e auto aziendale prima di aver meritato, guadagnato questi privilegi.

Regola 4: Se pensate che il vostro insegnante sia duro con voi, aspettate di avere un capo.

Regola 5: Lavorare in una friggitoria (o simili) non significa "abbassarsi". I vostri nonni avevano una parola diversa per questo: la chiamavano "opportunità".





Regola 6: Se fate un pasticcio non è colpa dei vostri genitori. Smettetela di piagnucolare e imparate dai vostri errori.

Regola 7: Prima della vostra nascita, i vostri genitori non erano così noiosi come lo sono ora!
Sono diventati in questo modo:
* Per pagare le vostra bollette,
* Per pulire i vostri vestiti
* A furia di ripetere all'infinito quanto siete bravi e intelligenti.
Quindi, prima di salvare le foreste pluviali dai parassiti della generazione dei vostri genitori, iniziare a pulire la vostra stanza e mettete in ordine tutto ciò che vi si trova.

Regola 8 : in certe scuole sono stati aboliti i voti e i giudizi e vi sono state date delle opportunità per essere promossi: non è così nella vita reale!

Regola 9: La vita non è divisa in semestri. L'estate non è un periodo di ferie. E sono molto pochi i datori di lavoro disposti ad aiutarvi a farvi assumere, è vostra responsabilità.

Regola 10: La televisione non è "vita reale". Nella vita reale, le persone lasciano il caffè e vanno a lavorare.



Aldo Domenico Ficara