lunedì 21 ottobre 2013

Invalsi. Alcune domande al ministro Carrozza

Era il 16 ottobre quando ho ascoltato Maria Chiara Carrozza intervenire, dopo l’ottima relazione per la scuola di Gianna Fracassi, al convegno dell’ Flc-Cgil “Valutazione nella conoscenza per la qualità dei diritti“, tenutosi a Roma presso il Cnr. Il ministro dell’istruzione ha affermato: “Ci sarà un ripensamento complessivo rispetto al Sistema nazionale di valutazione per scuola e università. Bisogna innanzitutto chiarire quali siano gli obiettivi del sistema scolastico e di quello universitario. Non è corretto che un’agenzia di valutazione definisca gli obiettivi del sistema“.
http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/10/16/sistema-scolastico-ministro-carrozza-sulla-via-del-ripensamento/746325/
Appena cinque giorni dopo: "È necessario però valutare le competenze in uscita dall'università e confrontarle. Partendo dal metodo Invalsi che va migliorato e adattato all'università: voglio sapere se gli studenti escono dagli atenei con una laurea in grado di essere alla pari con quelle di altri Paesi… la media dei laureati italiani ha competenze paragonabili a quelle di uno studente di scuola secondaria del Giappone."
http://www.ilmattino.it/PRIMOPIANO/SCUOLAEUNIVERSITA/test-invalsi-universit-amp-agrave-ministro-istruzione-maria-chiara-carrozza/notizie/342261.shtml 
 
 
 

Alcune domande al ministro Carrozza o a chi vorrà rispondere: 1) Carrozza ha cambiato idea in pochi giorni oppure il ripensamento complessivo è già avvenuto in tempi fulminei? 2) L’Invalsi ha avuto qualche ruolo in questo cambiamento? 3) Se dice il vero l’analisi Ocse-Pisa, non conviene prima intervenire sulla scuola secondaria e allinearla a quella giapponese? 4) Ci saranno tanti test Invalsi per ogni tipo di laurea? Oppure ci sarà un test unico per tutti? 5) Ha senso misurare (ammesso che Invalsi misuri) i neo-laureati o i laureandi, cioè al termine dell’università? 6) Il ministro ha un’idea dei tempi, dei costi e delle modalità per avviare l’iniziativa ipotizzata per l’università? Verrà affidato tutto all’Invalsi che avrà carta bianca e nessun vincolo e controllo? 7) In qualche paese Ocse, esiste qualche iniziativa paragonabile? 

Vincenzo Pascuzzi

1 commento:

  1. ...azzardo una Risposta "omnicomprensiva" ai 7 quesiti INECCEPIBILI
    di Vincenzo Pascuzzi (autorevole esperto di Scuola et Valutazione);

    si è di fronte ai soliti "giochi dell'oca"...a convegno:

    si svolgono sempre in senso SINISTROSO, come ad indicare che il raggiungimento del centro va inteso nel senso di una "via del ritorno", di una risalita verso l'origine, verso l'Uno...DESTROSO !!!

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.