venerdì 18 ottobre 2013

Studenti italiani interlocutori importanti per il PD


Dopo l'esternazione di Mario Adinolfi sul fancazzismo degli studenti ( http://www.tecnicadellascuola.it/index.php?id=49402&action=view )  che in modo rituale nella stagione autunnale organizzano manifestazioni e cortei contro il sistema istruzione, è interessante annotare  l'opinione di Gianni Cuperlo, candidato alla segreteria del Partito Democratico, che ritiene gli studenti scesi in circa ottanta piazze italiane interlocutori importanti per il PD.  A tal proposito Cuperlo dice:  “In 80 città italiane migliaia di ragazze e ragazzi manifestano contro il degrado della scuola pubblica italiana.  Si tratta di un segnale importante per tenere sveglia l’opinione pubblica del nostro paese su una questione che riguarda il futuro dell’Italia. Senza scuola pubblica per molti ragazzi non c’è domani. Ecco perché penso che loro siano i migliori alleati del Partito Democratico nella battaglia per la centralità del diritto allo studio e della conoscenza.




Io credo che anche il governo abbia la consapevolezza di questa emergenza e abbia preso, attraverso prime misure, un passo giusto.  Penso che sia importante, in una interlocuzione con questo movimento, lavorare per camminare tutti insieme”.