venerdì 1 novembre 2013

Attenti a quei due




Diventano sempre più numerose le segnalazioni che evidenziano i tentativi di isolare il progetto comunicativo di RTS con il fine di anestetizzare la condivisione dei suoi contenuti. Diversi docenti che leggono e condividono i post del blog sono stati cortesemente invitati da Dirigenti scolastici a loro vicini ad allontanarsi da RTS e soprattutto dalla sua pagina Facebook, in quanto gli articoli proposti sul blog sono ritenuti poco rispettosi verso la categoria dei presidi. Lucio e Aldo Ficara sono insegnanti-blogger senza controllo con il vizietto di dire la verità su ciò che molti preferiscono tacere e nascondere,  e quindi necessita mettergli un bavaglio mediatico. Nel mondo 2.0 mettere un bavaglio mediatico a qualcuno è impresa assai ardua, ma sostenere politiche di isolamento sembrerebbe prassi consolidata, anche se evocano ambienti che poco hanno a che vedere con il settore educativo. Ognuno è libero di fare le iniziative che ritiene più opportune, anche quelle del discredito, del millantato credito o peggio del falso ideologico. Si,  perché le voci, quelle dei corridoi del web,  parlano di scambi di cortesie del tipo: tu non leggi e condividi RTS e noi ti promettiamo carriere da favola, che di promozione in promozione ti faranno diventare Direttore generale del Ministero.  Bufale, pesci di Aprile, maliziose prese in giro che risaltano l’ingenuità della categoria docenti, tanto avvilita e vessata da essere obbligata a sognare l’improponibile.
 


 
 
 
Ma intanto alla faccia di chi discredita, RTS cresce  e gode di buona salute e nel contempo fa due semplici conti: i “ mi piace “ del blog sono 720, se a ogni  “ mi piace “ venisse proposto lo scambio di favori sopra menzionato, si dovrebbero organizzare nell’immediato nuovi concorsi dall’esito molto incerto, viste le tanto sofferte intromissioni della giustizia amministrativa. Quindi meglio proporre le carriere a chiamata diretta ( magari con contratti a tempo determinato e rinnovabili ), così si potrà creare un insieme di docenti nominati, che potranno essere condizionati a piacimento anche nelle loro libere scelte di lettura e condivisione di contenuti “. Un’informazione scolastica monocorda è essenziale per consolidare posizioni di comando che non devono essere contraddette.  Oggi però RTS esiste, pubblica e fa pubblicare a tutti i docenti che hanno sete di regolarità e trasparenza nella scuola, indipendentemente dall’azione deprecabile di certi Dirigenti scolastici. Si potrebbe dire: “ attenti a quei due “, ma non si farebbe giustizia di visibilità al pungente Vincenzo Rossi, pertanto meglio dire:” attenti a quei tre “.

 

Aldo Domenico Ficara

1 commento:

  1. Ricordo che "tenterono" di "comprare" il blog RTS,
    ma l'offerta fu Respinta:
    "chi disprezza vuol comprare" !!!

    Vediamo -ALLORA- un pò SE è il caso di "promuovere" un NEO--editto BULGARO...largamente intesizzato...
    ...SEPPURE lo ritengo improbabile GIACCHE'...

    " L’intera Organizzazione Sindacale FLC CGIL sia provinciale che regionale esprimeREBBE la sua più netta e totale contrarietà ad ogni ipotesi del genere ed AVVIEREBBE in ogni ambito le necessarie iniziative utili per bloccare questo progetto, chiaramente illegittimo oltre che discriminatorio, rendendone partecipe l’Ufficio Scolastico Regionale, le Regioni interessate "dal fenomeno" ed il MIUR.

    Una forza sindacale quale è la FLC CGIL, portatrice di una visione del mondo i cui pilastri sono i diritti dei lavoratori, la democrazia sui luoghi di lavoro, l’eguaglianza delle opportunità, l’inclusione sociale, il diritto al sapere libero e critico e ad una qualità formativa elevata per tutti e tutte senza disparità, non farà un passo indietro in questa ulteriore battaglia di civiltà. E non lascerà certo soli lavoratori e lavoratrici esposti anche in questa vertenza, che subiscono quotidianamente attacchi che verranno rispediti puntualmente al mittente " !!!

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.