domenica 24 novembre 2013

Prime scuole occupate nel Lazio e Sicilia

Dal sito Scuolazoo si leggono le ultime notizie sullo stato delle occupazioni delle scuole: " Nella sola Roma è arrivato a 9 il numero di Istituti dichiarati occupati in nome di un'istruzione migliore e di un futuro dignitoso per i giovani studenti. Sono stati occupati il Prati, l'Eur, il Casilina, il Primavalle, San Giovanni e Garbatella. In precedenza stati occupati l'Itis Galilei e il liceo Vittoria, e  adesso si è aggiunto anche il liceo Mamiani. Stessa sorte ( occupazione ) per molte scuole della regione Sicilia, specialmente a Palermo, seguita da Catania e Ragusa ". Sempre nello stesso articolo a firma di Riccardo e Simone di Scuolazoo si dice: "Proteste queste che hanno le stesso motivazioni di fondo che guidano ormai da parecchi autunni le manifestazioni studentesche: stop ai tagli sull'istruzione, finanziamenti per la ristrutturazione degli edifici scolastici, maggiore integrazione scuola-lavoro, investimenti nella ricerca e nelle università, abbattimento dei costi dei libri di testo. Motivazioni che appaiono insensate agli occhi dei presidi delle scuola in questione, i quali fanno appello all'illegalità del gesto rivoluzionario e alle famiglie per far sì che spingano i figli a riprendere il normale svolgimento delle lezioni ".

1 commento:

  1. INSENSATO APPARE PURE
    (basta chiederLO a quanti ci "osservano" dall' Europa... SENSATA)
    TUTTA L'ILLEGALITA' e/o l' ILLEGITTIMITA' praticata in Italia !!!

    ILLUSTRI ECONOMISTI (di fama Mondiale)
    sostengono che la Grecia e l' Italia sono MAGGIORMENTE esposte
    alle "direttive" della TROICA,
    acclaratosi il CONGENITO
    Modus Operandi CLIENTELARE-POLITICO AMMINISTRATIVO
    con cui si misurano i DUE Paesi nel Corso della Storia...

    ...I GIOVANI (si sa) prendono ESEMPIO dal mondo "adulto"
    che li circonda;
    COME SI FA (allora) ad Esigere correttezza dai Ragazzi
    laddove vi siano presenti ILLEGITTIMITA' ...
    ...a Cielo Aperto ?!?

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.