sabato 7 dicembre 2013

Indovinata la durata temporale della ricorrezione delle prove scritte al concorso DS Lombardia

Dal sito web palermitano CeripNews:

" Un interessante contributo di Aldo Domenico Ficara pubblicato su “ La Tecnica della Scuola” ( http://www.tecnicadellascuola.it/index.php?id=50272&action=view# ) ci fa conoscere la situazione sulla correzione delle prove scritte nel concorso Ds della Lombardia, peraltro riscontrabili settimanalmente nel sito web dell’USR Lombardia.
Dai dati pubblicati finora – osserva A.D. Ficara - si può osservare che le ultime tre settimane rilevate, hanno evidenziato un numero crescente di elaborati corretti: nella settimana che va dal 4 al 7 novembre sono state corrette 288 prove; in quella che va dall’ 11 al 14 novembre sono state corrette 290 prove e nella settimana 18-21 novembre scorso sono state corrette 312 prove.
 Questo ritmo che segue un trend crescente di correzioni – osserva ancora l’articolista sopra citato - porterà la conclusione della procedura valutativa a non più di due settimane. “A conferma di quanto detto, scrive Ficara, osserviamo che il totale delle prove corrette è pari a 1436, ed essendo il numero totale di prove da correggere inferiore a 2000, mancheranno di conseguenza meno di 570 prove da valutare”.
In conclusione dell’articolo A.D. Ficara osserva che mantenendo il livello medio di prove corrette a settimana intorno alle 300 unità, necessitano al completamento della correzione (o meglio, della ricorrezione) ancora due settimane di lavoro. Presumibile, pertanto, che l’intera procedura correttiva sarà espletata, al netto delle operazioni di pubblicazione dei risultati, prima del 5 dicembre 2013 ".


25 novembre 2013

http://www.ceripnews.it/archivio_notizie.htm

PS:

Una  volta indovinata la durata temporale della ricorrezione delle prove scritte al concorso lombardo per Dirigenti scolastici, rimane da indovinare la percentuale di ex idonei ed ex ricorrenti che passeranno le prove. Da alcune indiscrezioni e da i toni di alcuni recenti articoli, si può supporre che il 90% di ex idonei ripasserà nuovamente gli scritti,  insieme ad un 10% di ex ricorrenti che sarà promosso per la prima volta alle prove orali. Non rimane che attendere gli esiti ufficiali della valutazione e vedere se le supposizioni fatte,  troveranno un riscontro nella realtà del concorso.