sabato 25 gennaio 2014

A difendere la Stato (quello di DIRITTO) [e la Scuola]; più del politico o del sindacato… FECE il Giudice e l’ Avvocato !!!


Tutti possono accedere alla Giustizia...
Avvocati e Giudici italiani dicono di  NO  !!!













Protestano (tra IERI e OGGI) i Magistrati e gli Avvocati… in tutta Italia.

Indossando una fascia tricolore con la scritta "A difesa della democrazia"
gli avvocati romani hanno protestato durante la cerimonia di inaugurazione dell'anno giudiziario presso la Corte d'Appello di Roma. Portavoce Mauro Vaglio, presidente del consiglio dell'ordine degli avvocati di Roma, nel corso del suo intervento programmato ha espresso il senso della protesta
"CONTRO LE DIFFICOLTÀ DI ACCESSO A UNA GIUSTIZIA SEMPRE PIÙ ONEROSA E AD APPANNAGGIO SOLO DEI PIÙ RICCHI CHE VA COSI IN CONTRASTO CON IL DIRITTO COSTITUZIONALE DI UNA DIFESA CHE DEVE ESSERE APPANNAGGIO DI TUTTI I CITTADINI".

La protesta, secondo quanto riferito da Antonino Galletti, tesoriere dell'ordine degli avvocati di Roma,
"è condivisa con tutti gli ordini d'Italia".
Al termine dell'intervento di Vaglio, gli avvocati, sempre indossando la fascia tricolore, hanno lasciato la sala del cerimonia.

LINK dell’ articolo integrale:
http://roma.repubblica.it/cronaca/2014/01/25/news/inaugurazione_dell_anno_giudiziario_pandolfi_le_mafie_attratte_dalla_capitale-76890612/
_________________________________________________________________________________________

Anno giudiziario, i magistrati si difendono dalla "gogna infamante" e assicurano: "non molleremo".

Si apre in un clima teso l’anno giudiziario in tutti i distretti di Corte d’Appello.
UN CLIMA CONDIZIONATO DAGLI ATTACCHI CHE CONTINUANO A PIOVERE SUI MAGISTRATI E DALLE DIFFICOLTÀ ECONOMICHE CHE PESANO SULL’ATTIVITÀ GIUDIZIARIA.
A MILANO IL PRESIDENTE DI CORTE D’APPELLO GIOVANNI CANZIO AFFERMA CHE “AGLI ATTACCHI PERSONALI, AL DILEGGIO STRUMENTALE, TALORA ALLA INFAMANTE GOGNA MEDIATICA E ALLE MINACCE CUI SONO STATI SOTTOPOSTI", I GIUDICI "HANNO SAPUTO RISPONDERE" USANDO "LE ARMI" DELLA "IMPARZIALITÀ".
INEVITABILE IL RIFERIMENTO ALLE ACCUSE DI SILVIO BERLUSCONI, CONSIDERANDO LE ACCUSE ANCHE RECENTI E VISTO CHE L'ANNO SCORSO A MILANO TRA I VARI PROCESSI CHE SONO STATI CELEBRATI SI RICORDANO QUELLO SUL CASO RUBY E QUELLO PER LA VICENDA MEDIASET.
Nella sua relazione Canzio ha voluto dedicare alcuni passaggi ai giudici milanesi che sono "stati oggetto di sommarie e ingiuste accuse di parzialità e di mancata serenità di giudizio, solo perché funzionalmente investiti della definizione di taluni procedimenti a forte sovraesposizione mediatica, per lo spiccato rilievo politico e sociale che li caratterizzava". A questi giudici il presidente ha rivolto parole "di apprezzamento e di gratitudine per il profondo senso del dovere e di appartenenza all'istituzione dimostrato" e perché agli attacchi “hanno saputo rispondere con sobrietà, umiltà e riservatezza, adoperando le armi della giurisdizione e continuando a giudicare con imparzialità al solo servizio della giustizia e dello Stato".

LINK integrale dell’ articolo:
http://www.huffingtonpost.it/2014/01/25/anno-giudiziario-corte-appello_n_4663837.html?utm_hp_ref=italy

_________________________________________________________________________________________

Anno giudiziario, avvocati con mani legate e maschera di Anonymous.
Protesta del ceto forense che sventola le maschere di Anonymous quando parla il rappresentante del ministro. Di DARIO DEL PORTO e CONCHITA SANNINO.

Protesta degli avvocati del consiglio dell'Ordine di Napoli alla cerimonia di inaugurazione dell'Anno giudiziario in corso a Castel Capuano. Mani legate e con una fascia tricolore con la scritta
" IN DIFESA DEI DIRITTI ":
così i legali partenopei manifestano contro le mancate riforme della giustizia.
Gli avvocati hanno iniziato la loro protesta prima della relazione del presidente della corte d'Appello, Antonio Buonajuto.

UN ALTRO GRUPPO DI OPERATORI SI TROVA ALL'ESTERNO DEL VECCHIO TRIBUNALE E ESPONE UNO STRISCIONE CON LA SCRITTA "GIUSTIZIA UMILIATA".

LE TOGHE PROTESTANO CONTRO I RECENTI PROVVEDIMENTI DEL GOVERNO IN TEMA DI GIUSTIZIA E CONTESTANO IL MINISTRO ANNA MARIA CANCELLIERI.
IL DISCORSO DI CAIA E'STATO RIPETUTAMENTE INTERROTTO DAGLI APPLAUSI.

ALL'INDIRIZZO DEL MINISTRO CANCELLIERI E' PARTITO DALLA PLATEA ANCHE IL CORO «DIMISSIONI, DIMISSIONI».

LINK dell’ articolo integrale:
http://napoli.repubblica.it/cronaca/2014/01/25/news/apertura_dell_anno_giudiziario_avvocati_con_mani_legate-76888460/