venerdì 21 marzo 2014

Gli insegnanti guadagnano meno degli operai, il Ministro Giannini dovrebbe saperlo

Anziché perdere tempo a ricordare ai sindacati, come ha fatto oggi, che non devono più “salvaguardare il minimo garantito per tutti”, ma impegnarsi per valorizzare solo “chi lavora meglio”, il Ministro dell’Istruzione Stefania Giannini farebbe bene ad andare a leggersi quanto guadagna nel 2014 un insegnante della scuola pubblica italiana: in media non arriva a 1.300 euro, meno di un operaio. Il blocco del contratto, lo stop and go sugli scatti, la sospensione dell’assegno di vacanza contrattuale hanno infatti posizionato lo stipendio degli insegnanti addirittura 4 punti percentuali sotto il livello dell’inflazione. Il Ministro Giannini forse non sa, o fa finta di non sapere, che in Europa i docenti percepiscono lo stipendio più basso dopo la Grecia, con quasi 8mila euro in meno a fine carriera rispetto alla media di tutto il vecchio Continente. E sono maltrattati anche rispetto agli dipendenti pubblici: dall’ultimo ‘Conto annuale’, realizzato dal Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato risulta che il personale scolastico è posizionato un punto percentuale rispetto alla media degli altri comparti della PA. Comparti che, ricordiamo sempre al Ministro, sono già in grave ritardo rispetto alla crescita dell’inflazione: mentre il premier Renzi promette ‘oboli’ da 80 euro per mezzo milione di docenti e gli Ata che percepiscono meno di 1.500 euro al mese, l’Istat emette un indice generale delle retribuzioni contrattuali orarie disponibile con incrementi tendenziali sopra la media solo per il settore privato (+1,9%), in particolare nei settori dell’agricoltura (+3,4%), dell’industria (+2,1%) e dei servizi privati (+1,6%). Mentre in tutti i comparti della pubblica amministrazione si continuano a registrare variazioni nulle.




L’Anief può essere anche d’accordo con il Ministro Giannini quando dice che occorre “valorizzare le singole persone”, ma prima di questa operazione c’è da attuare un’opera di allineamento dello stipendio del personale scolastico al costo reale della vita. “La nostra Costituzione – ricorda Marcello Pacifico, presidente Anief e segretario organizzativo Confedir – prevede il lavoro come fondamento del Paese: pertanto, le istituzioni e la politica devono garantire uno stipendio dignitoso. Trovando le risorse adeguate: il prossimo rinnovo contrattuale del comparto Scuola diventa quindi il banco di prova per capire se questo Esecutivo è in grado di fornire tale prerogativa. Se il Ministro non lo comprende o non è d’accordo, allora faccia pure un passo indietro”.


http://www.online-news.it/2014/03/21/scuolagli-insegnanti-guadagnano-meno-degli-operai-il-ministro-giannini-dovrebbe-saperlo/#.Uyx386NOXIV

1 commento:

  1. " ... Se il Ministro non lo comprende o non è d’accordo,
    allora faccia pure un passo indietro ".

    Sono 21 anni (circa)
    che TUTTI sentiamo proferire MEDIATICAMENTE
    le stesse Frasi Slogan (prive di Fattuale Concretezza).

    E' IN ATTO
    (TUTTE le OO.SS. lo sanno)
    un Lento-Graduale-Inesorabile
    (Largamente Intesizzatosi)
    processo di marginalizzazione
    del Welfare e dei Servizi Pubblici;
    SCUOLA IN TESTA.

    Stanno GRECIZZANDO
    (l' EX) Ceto Medio...
    ...SCUOLA IN TESTA.

    QUOLORA qualsiasi Ministro
    (fosse indotto a PRE-pensionarsi)...
    ... NESSUN PROBLEMA:

    ne spunta un ENNESIMO
    che (nella Sostanza)
    porta avanti... quanto SOPRA !!!

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.