sabato 30 agosto 2014

Perché certi DS, presidenti di rete di scuole sono contrari ai Ministri che provengono dal mondo accademico ?

Sulle pagine del sito web Orizzonte Scuola in un articolo del 16 febbraio 2014   dal titolo “ Appello per un Ministro dell'Istruzione competente. Le lettere dei Dirigenti Scolastici “ si legge: " Perché all'Istruzione ci vuole un ministro -  tecnico puro. ( di un  Dirigente Scolastico, presidente di rete di scuole  )  Non un docente universitario o un rettore; non un intellettuale ; meno ancora un economista o un giurista. No: all'istruzione ci vuole un tecnico, che conosca sin nelle pieghe più recondite l'immane ed insensato  apparato amministrativo - burocratico in cui sta affondando la scuola di stato “.  Un vero e proprio  attacco al mondo accademico,  ritenuto incapace di gestire le problematiche della scuola. Ma il MIUR non è solo scuola , è anche Università. A questo punto nasce spontanea una domanda - riflessione: Perché certi Dirigenti scolastici, presidenti di rete di scuole criticano personalità del mondo accademico come Profumo, Carrozza e Giannini diventati in questi ultimi anni Ministri dell’istruzione ? Il dubbio, per non cadere dalla padella alla brace.  è quello di capire quali sarebbero le conseguenze decisionali se andassero al potere certi Dirigenti scolastici, presidenti di rete di scuole. In altre parole il rischio, quando si leggono certe affermazioni,  è quello di poter mandare in barca oltre le scuole anche il sistema universitario. Secondo noi di RTS, sempre nel massimo rispetto degli ultimi tre Ministri e del mondo accademico da cui provengono, al comando del MIUR prima o poi si dovrebbe provare un insegnante, uno di quelli che per lustri abbia subito sulla propria pelle le decisioni di certi Dirigenti scolastici, presidenti di rete di scuole.  Ai posteri la risposta.


 
Aldo Domenico Ficara

 

 

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.