mercoledì 31 dicembre 2014

Mi pare che i Dirigenti Scolastici qualche potere lo hanno



Mi pare che i Dirigenti Scolastici, che ricordo, grazie alla 165, sono diventati dirigenti con incarichi bloccati sfociati in corso-concorso di 200 ore, successivamente replicato nelle medesime forme per approdare poi nel famoso concorso del 2011 preceduto da quello "siciliano"....diciamo che qualche potere lo hanno ed è strano che dicano di non conoscerli, molto strano. Naturalmente se hanno una leadership è tutto più facile, se sono invece burocrati passa carte, è tutto molto più complicato. Sulla retribuzione, ricordo che hanno una parte di "risultato" (curiosamente non risulta ci sia uno tra i 12.000 presidi che non abbia mai raggiunto "il risultato", quindi ricorda certi "piani quinquennali" autorealizzanti) e che, anche se forse non potrebbero, nelle pieghe dei Fondi dedicati alla Scuola di servizio, possono trovare varie modalità per incrementare i loro stipendi (direttore corsi, progetti europei e regionali, responsabile sicurezza, ecc. ecc.).. stipendi che sono certamente a livello europeo al contrario di quello dei docenti che sono al penultimo posto delle retribuzioni, cenerentole anche per tutto il settore della PPAA. Ecco nonostante le pessime retribuzioni dei docenti e nonostante l'assenza dei dirigenti scolastici in molte scuole, persi in meccanismi di deleghe fiduciarie e reggenze e flessibilità varie del tipo "poteva non sapere", secondo i dati forniti da Repubblica, la Scuola rimane al secondo posto nella "percezione di fiducia" da parte degli italiani e forse è anche merito del corpo docente più che del corpo dirigente. Naturalmente tutto ciò non fa notizia e fa notizia qualche episodio assoluttamente inqualificabile di qualche docente che "sbrocca", caso isolato che rovina
l'immagine di uno degli ultimi "corpi sani" della società italiana.
 
 
Giancarlo Memmo