domenica 14 febbraio 2016

Il problema degli arredi scolastici: cosa dicono Insegnanti e Dirigenti scolastici


Dopo gli ultimi articoli pubblicati su RTS*  e condivisi in vari gruppi tematici Facebook sulla scuola, è particolarmente significativo riportare alcuni dei tantissimi commenti fatti sui social:
1.     Nessuna Scuola è a norma, gli arredi non sono a Norma. Siamo oberati di continui incontri sulla Buona Scuola (vogliono convincerci alla Buona Scuola), ma raramente si fanno accurati controlli se le Scuole sono a norma, se tutto funziona regolarmente. Quando poi accade che uno studente muore la prima accusa è rivolta all' insegnante che mentre spiega deve controllare 27/28 alunni, se un alunno chiede di andare in bagno è responsabile, durante l' intervallo l' insegnante deve stare in classe ma non tutti gli studenti sono in classe perché vanno in bagno, vanno ai distributori automatici a prendere la merenda (molte scuole: Licei Scientifici e Istituti Tecnici al loro interno hanno pure il Bar, sono le scuole che fino a 20 anni fa erano in gestione alle Province e se pur passate tutte in gestione allo Stato il Bar è RIMASTO). Finestre, termosifoni, scale interne, aule che contengono più alunni di quanto possono e tanto altro...  E l' insegnante è sempre responsabile in prima persona...!!!! ( insegnante )
2.     Mi ha sempre fatto paura quando i bambini si dondolano sulle sedie (anche quelli di 5 anni) e io infatti non lo permetto a costo di essere antipatica e severa!!!! Certo oggi noi insegnanti siamo obbligati ad essere più dei carabinieri che vietano ma altrimenti vedete come va a finire!!!!e sempre più aspetto solo la pensione per essere al sicuro!!!e ringrazio ogni sera il cielo che mi è andata bene!!!! ( insegnante )
3.     Ma il giudice lo sa che ai presidi non sono assegnati soldi per acquisto di arredi e che tali forniture sono a carico degli enti locali? ( commento di un Dirigente scolastico in pensione ed ex presidente dell’ASASI Associazione Scuole Autonome Sicilia )
4.     Ricordo centinaia di sedie rotte ( si dissaldavano le gambe posteriori a causa del dondolio) e quando chiedevi alla Provincia di rottamarle come RAE ti rispondevano che dovevi pensarci come scuola . Feci un tentativo, chiedevano più di tremila euro ! La notizia si sparse tra i bidelli.... Ed ecco, miracolo, una notte di Natale sparirono tutte, non si sa come. Sarà stato Babbo Natale..... ( Dirigente scolastico )

Prendo lo spunto dal commento dell'ex presidente ASASI  per rispondergli che la magistratura conosce  bene le norme e soprattutto le consuetudini che esistono all’interno delle scuole ( formazione e informazione sulla sicurezza spesso di non alta qualità ), e lavora per controllare se l’amministrazione statale, a qualsiasi livello essa sia, le rispetta. Rimane fermo il punto che al cospetto di tali episodi poco possono fare insegnanti e DS.
* i link degli articoli pubblicati su RTS:

http://aldodomenicoficara.blogspot.it/2016/02/morire-dondolandosi-su-una-sedia-di-chi.html

http://aldodomenicoficara.blogspot.it/2016/02/norme-uni-en-1729-banchi-e-sedie.html
 
Aldo Domenico Ficara

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.