lunedì 15 agosto 2016

L'Ispettore Tiriticco ridipinge La Buona Scuola

Si riporta una risposta ( datata 2 agosto 2016 ) dell’Ispettore Maurizio Tiriticco a Sergio Bailetti riguardante la legge 107/15 (http://www.edscuola.eu/wordpress/?p=79936 ) . Una risposta che può essere letta  con un’ottica diversa, dopo le recenti dinamiche della mobilità 2016/17, che stanno coinvolgendo una migrazione di massa da sud a nord del Paese. La riflessione di Tiriticco è la seguente:  “ Caro Sergio! Che tu, Luigi e qualche Campioncino siete a favore della Buona scuola lo so, ma – a prescindere da un giudizio sui contenuti della 107 – non mi sembra che problemi di riordino così profondi e sconvolgenti (tu confidi nei tempi lunghi) fossero all’odg. Due sono – ed erano – le urgenze: un serio riordino dei cicli ormai ultradatati e “fuori legge”: pensa all’esame di terza media, obsoleto e in piedi proprio perché nessuno si è mai peritato di scrivere che è l’obbligo decennale che conclude il primo livello di studi e non una scuola media che è ancora quella dei nuovi programmi del ’79; e sai bene con quale squallore, invece, termina quell’obbligo decennale vigente – si fa per ridere – dal 2007, se la memoria non fallisce; e pensa alla necessità di un intervento massiccio sulle metodologie di apprendimento/insegnamento (non scrivo insegnamento/apprendimento) che accompagnasse le Indicazioni nazionali che nessun insegnante ha letto perché continua a pensare solo in termini di programmi ministeriali, quelli in vigore ai tempi in cui andava a scuola lui. Con la 107 è stato liquidato un ordinamento pubblico da sempre per avviarne uno privatistico, ma che lascia insoluti i due problemi a cui accennavo prima. Non si rinnova la scuola nei contenuti e nelle metodologie, ma si avvia un ordinamento più o meno al’inglese che dovrebbe fare il miracolo. Ma se ordinamenti e Indicazioni restano quelli che sono, tutti gli aspetti “innovativi” della 107 cambieranno forse molte facciate (un preside con maggiori poteri) ma ben poco i contenuti e le lezioni cattedratiche di sempre. Tu come me sei un uomo di scuola e sai bene quanto ti devo in termini di idee e di incoraggiamenti. E sei abbacinato da questa aura innovatrice di cui la 107 si ammanta: una Buona scuola libera da tanti laccioli burocratici!!! Mio caro! Un’altra era l’operazione da fare: un serio riordino dei cicli e una massiccia preparazione degli insegnanti (ti ricordi la preparazione degli insegnanti elementari dopo la legge innovativa della loro scuola?). Ma così non è stato e così non sarà “. Parole forti, al pari di quelle formulate nell'articolo del 30 luglio 2016 dal titolo L'Ispettore Tiriticco dipinge La Buona Scuola , che non lasciano dubbi sulla futura  efficacia di questa riforma scolastica.
 


Aldo Domenico Ficara