mercoledì 3 agosto 2016

Tiriticco, Ficara e la storia di una bacchettata alla buona scuola


Il 30 luglio 2016 l’ispettore emerito Maurizio Tiriticco pubblica un post su Facebook riguardante la legge 107/15, lo leggo e subito capisco la portata mediatica di quanto scritto. Immediatamente chiedo il permesso per una condivisione in rete.  La risposta di Tiriticco è stata affermativa con un eloquente: “ certo che puoi pubblicare altrimenti che scrivo a fa’ “. In un attimo scelgo dal web una bella foto dell’ispettore scolastico e riporto fedelmente le sue riflessioni. Riflessioni forti che non lasciano spazio ad alcun equivoco: la legge detta  “La Buona Scuola” non va affatto bene, perché in questo modo le scuole pubbliche italiane non sono più pubbliche, ma private. Parole che nel web diventano una sinfonia per le orecchie di decine di migliaia di docenti,  che proprio in quelle stesse ore per effetto de La Buona Scuola venivano trasferiti in modo coatto da sud a nord, senza nemmeno capirne il perché. Una sovrapposizione degli effetti tra l’accattivante scrittura di Tirittico, la mia velocità organizzativa di pubblicazione e lo stato emotivamente alterato dei colleghi insegnanti, lancia l’articolo nelle alte sfere delle visualizzazioni. Nella mattina del 31 luglio nelle apposite pagine del blog si contavano 38mila visualizzazioni,  a fine giornata 50mila. Il primo agosto la conta delle visualizzazioni continua con un ritmo incessante, fino ad arrivare a quota 66mila,  un vero e proprio record mediatico per il  blog RTS ( Regolarità e Trasparenza nella Scuola ). Il 2 agosto si registra qualche mugugno ( sotto forma di commenti in Facebook ) proveniente dalla parte dei sostenitori della riforma renziana sulla scuola pubblica, perché le parole di Tiriticco sono taglienti come un rasoio, e affondano le dita sulla piaga di una legge considerata dai più come inadeguata e mal costruita. Passa anche il 2 agosto ed oggi 3agosto 2016 ancora le visualizzazioni all’articolo capolavoro non finiscono, perché quando i fatti sono descritti  e commentati con il cuore, gli insegnanti capiscono e apprezzano.   Per meglio comprendere il perché ci sono state 66mila visualizzazioni, si riporta un breve stralcio dell’articolo ( http://aldodomenicoficara.blogspot.it/2016/07/lispettore-tiriticco-dipinge-la-buona.html ): “ L'ho detto e l'ho scritto: invece di perder tempo a scrivere i 200 e passa commi della107, potevano limitarsi a scrivere: "le scuole pubbliche italiane non sono più pubbliche, ma private". Cari DS! So che alcuni di voi sono ben felici di avere più poteri! Mah! Attenzione! Se ormai le scuole pubbliche sono diventate private, di fatto, sotto il profilo giuridico, sono ancora pubbliche! E ne vedremo delle belle quando, tra i tanti competitori, scoppieranno grane e ricorsi. La buona scuola nasce sotto una stella cattiva. “

 

Aldo Domenico Ficara

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.