martedì 11 ottobre 2016

Spese insostenibili per il docente trasferito al nord


Nell’estate scorsa tantissimi assunti nel 2015 sono scoppiati in lacrime alla vista della e-mail inviata dal cervellone ministeriale con la sede definitiva per l’attuale anno scolastico. Ma quali sono le spese che devono sostenere tutti i docenti che hanno subito il trasferimento forzoso da sud a nord del Paese? La risposta può essere sintetizzata nel seguente modo:
·        Camera ammobiliata  circa 400 euro mensili
·        Affitto di un monolocale o di un piccolo appartamento in media 700 euro mensili
·        Costi delle utenze in media 200 euro mensili ( costi riscaldamento )
·        Abbonamento mensile ai servizi pubblici, in media 50 euro mensili
·        Utilizzo un proprio mezzo di trasporto in media 400 euro mensili
·        Spese di vitto in media 300 euro mensili.
Quindi complessivamente le spese medie mensili vanno da un minimo di  950 euro a un massimo di  1500 euro. Rimane evidente il fatto che la parte alta della forchetta calcolata è superiore al livello stipendiale di un docente neo immesso nei ruoli. Da notare inoltre l’insostenibilità dei costi,  nel caso in cui il docente trasferito fosse unico reddito nella famiglia lasciata al sud.

 

Aldo Domenico Ficara