martedì 13 dicembre 2016

Il renzismo nel maggio 2015 ignorò uno sciopero sulla scuola da un milione di persone


 
Riportiamo una breve riflessione di Silvia Chimienti, parlamentare M5S, su La Buona Scuola renziana: “ Senza un Governo di estrema discontinuità rispetto all’esecutivo di Renzi sono certa che la buona Scuola resterà un’eredità. Un’eredità nefasta, tuttavia: un’eredità di aspettative frustrate, di stravolgimento di vite e di relazioni familiari a causa degli errori e della fretta di procedere per poter dire di averlo fatto. In questo senso, la legge 107 non è certamente qualcosa di cui Renzi dovrebbe vantarsi visto che il voto del mondo della scuola è stato determinante ai fini della vittoria del NO al referendum e delle conseguenti dimissioni del premier. Ma evidentemente nel Partito Democratico manca perfino l’umiltà di ammettere gli errori fatti, a partire dalla totale mancanza di ascolto di docenti e studenti prima e durante l’esame della Buona Scuola in Parlamento. Hanno ignorato uno sciopero da un milione di persone e ora parlano di eredità da tramandare? Mi fa sorridere “.
 
Aldo Domenico Ficara

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.