mercoledì 4 gennaio 2017

Per attuare l’accordo sindacale del 29 dicembre va modificata la riforma Brunetta


L’accordo siglato dal ministro dell’istruzione Valeria Fedeli con i vertici delle rappresentanze sindacali di settore, si ricollega ad un’altra intesa, sottoscritta il 30 novembre tra il ministro della funzione pubblica, Marianna Madia ( ministro confermato nel governo Gentiloni ), e le stesse federazioni sindacali.  Quest’ultima intesa, infatti,  impegna il governo a promuovere il varo di un provvedimento legislativo che dovrebbe ripristinare la supremazia del contratto rispetto alla legge. In pratica un abbattimento del pilastro portante della riforma Brunetta, in altre parole l’abbattimento della inderogabilità delle norme di legge da parte della contrattazione collettiva e la sostituzione automatica delle clausole contrattuali difformi con le norme di legge con cui contrastano ( il raggiungimento di un obiettivo dove potrebbero rendersi utili i parlamentari del M5S ). Per quanto detto nel caso in cui il legislatore non provveda nei tempi giusti a dare attuazione ai patti contenuti nell’intesa del 30 novembre, le deroghe che saranno introdotte nei contratti collettivi, anche per effetto dell’intesa del 29 dicembre, potrebbero non valere nulla. Chiaramente a livello politico la conferma della riforma Brunetta comporterebbe la conferma de La Buona Scuola in tutto e per tutto, ovvero un nulla di fatto normativo con il conseguente inizio di una nuova protesta degli insegnanti, sul tipo di quella già recentemente provata dalla politica italiana il 4 dicembre 2016.

Per ricordare meglio la riforma Brunetta si rimanda al seguente articolo di RTS

 

Aldo Domenico Ficara

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.