domenica 5 marzo 2017

Progetto Mobilità sociale e Merito: solo il 21,7% degli italiani tra i 30 e i 34 anni è laureato


Il progetto Mobilità sociale e Merito è un programma sperimentale di orientamento, volto alla valorizzazione del merito e alla promozione della mobilità sociale. Esso nasce ufficialmente il 23 aprile 2013, dall’iniziativa della Scuola Superiore Sant’Anna, in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca. Solo il 21,7% della popolazione italiana tra i 30 e i 34 anni è in possesso di un titolo di laurea: tali numeri rendono il nostro paese uno tra i peggiori nel panorama europeo. Inoltre, è noto che la condizione socio-economica della famiglia e il contesto scolastico incidono profondamente nel determinare il successo, in termini di realizzazione personale e professionale. Attraverso la formazione e l’impegno è possibile superare gli ostacoli dovuti alla condizione di provenienza e crearsi un futuro diverso da quello pre-determinato. Talvolta, il contesto incide sulla scelta del futuro proprio perché non c’è l’adeguata diffusione di informazioni, una “asimmetria informativa”, perché non ci sono gli stimoli adatti a creare ambizioni e aspettative e l’università sembra una realtà lontana e irraggiungibile. Il progetto si propone di avvicinare questi ragazzi meritevoli alla realtà universitaria, attraverso giovani studenti, che porteranno la loro esperienza diretta e le informazioni necessarie per effettuare una scelta consapevole, assicurando in tal modo pari opportunità di accesso ai più alti gradi di istruzione. L’obiettivo del progetto è proprio quello di orientare alla scelta universitaria gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado, attraverso una comunicazione diretta, informale e orizzontale (Modello peer to peer), attuata dagli stessi studenti universitari. Gli studenti universitari affiancheranno gli studenti delle superiori, dal terzo anno fino al momento importante della scelta, accompagnandoli in un percorso alla scoperta delle loro potenzialità e inclinazioni, fornendo informazioni pratiche, riguardanti le opportunità che il sistema universitario offre ai “capaci e meritevoli, anche se privi di mezzi” (Art.34 della Costituzione Italiana). Sono state coinvolti nel progetto 28 Istituti di Istruzione Secondaria Superiore,  distribuiti in 5 regioni (Campania, Lombardia, Sardegna, Sicilia e Toscana).
 
 
 
 
 

 

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.