martedì 25 aprile 2017

Le 3 regole auree della scuola che rendono impossibile il ritorno di Renzi


 
 
Gli interventi legislativi sulla scuola rispondono di solito a due regole auree fondamentali. La prima è basata sul fatto che nessun cambiamento è possibile senza l'adesione convinta degli insegnanti, degli studenti, del personale della scuola, perché senza e contro di loro nessun cambiamento reale è realizzabile. La seconda è che i cambiamenti devono contare su maggioranze parlamentari più ampie di quelle di governo, perché la scuola rappresenta il fondamento dei diritti di cittadinanza più rilevanti sanciti dalle Costituzioni.  Renzi nei suoi 1000 giorni di governo ha infranto  entrambe le 2 regole sopra descritte, e oggi si ripropone come se nulla fosse. Esiste però una terza regola aurea, quella che caratterizza il corpo insegnante come un soggetto dalla memoria elefantiaca. Pertanto fare breccia sui sentimenti degli insegnanti offesi e derisi negli anni passati sarà impresa titanica al limite dell’impossibile. Direi di più un’impresa del tutto impossibile e impraticabile.

 

Aldo Domenico Ficara

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.