mercoledì 24 maggio 2017

Ds: sciopero della fame ma non troppo


Da questa mattina davanti alla sede del ministero dell’Istruzione, in viale Trastevere, fino al 26 maggio i dirigenti scolastici si alterneranno nella clamorosa protesta in base alle Regioni di provenienza. Si comincia con i dirigenti scolastici campani, piemontesi e di Lazio, Liguria, Abruzzo e Valle d'Aosta. A promuovere l’iniziativa senza precedenti l’associazione Dirigentiscuola, che raccoglie circa 500 aderenti. I commenti inseriti nella pagina Facebook di RTS (e in altre pagine social ) verso questa iniziativa sono molto polemici:
·        M. L.  Ma se siamo diretti da gente così ( professionisti che fanno lo sciopero della fame per risolvere i problemi ), che analizzando una legge non capisce cosa dovrà fare e come diventerà il proprio lavoro, pensate che ci sia un futuro per l'insegnamento?
·        G. C.  E solo l'inizio della fine. Ora ci sarà un'altra ondata di immissioni in ruolo con stipendi da fame per indebolire l'identità della professione insegnante ed il senso di appartenenza e dunque placare malumori su stipendi, contratto...ci gestiscono come gestiscono gli immigrati e forse con le stesse finalità a scapito delle generazioni future..
·        R. T.  Poracci. Domattina gli porto qualche cornetto e un termos di caffè caldo.
·        G. M.  tempo fa un dirigente disse: ci hanno dato la Ferrari e non la sappiamo guidare.
·        V.P. Scuola, i presidi in sciopero della fame .... lontano dai pasti e a staffetta.
Non oso immaginare le conseguenze sociali,  se le medesime forme di protesta fossero adottate dagli 800mila insegnanti, mal pagati e senza un minimo futuro professionale. Forse si dovrebbe esaltare l'esempio di quei Dirigenti scolastici che non fanno scioperi della fame, ma si impegnano costantemente con le oro competenze nel risolvere ogni problematica didattico organizzativa.

 

Aldo Domenico Ficara

 

 

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.