sabato 3 giugno 2017

Scuola: ora è sinonimo di fatica sia per chi apprende che per chi insegna: parola di Maurizio Tiriticco


Riportiamo una riflessione pubblicata il 6 maggio 2017 in un commento su Facebook  dall’Ispettore Maurizio Tiriticco: “ Se la scuola in Grecia e a Roma era sinonimo di tempo libero, passatempo creativo - almeno così sappiamo, anche perché non era "dell'obbligo" - ora è sinonimo di fatica sia per chi apprende che per chi insegna. Ho sempre pensato e scritto che l'Amministrazione da sempre e in quanto tale interviene sugli "apprendimenti" dei nostri ragazzi centrando però e pesantemente l'attenzione sull'organizzazione degli "insegnamenti": discipline, programmi, orari e così via. Il che con il tempo è diventato sempre più pesante e si sono rovesciate su scuole, insegnanti e alunni innovazioni sempre più stravaganti. La 107 è la ciliegina sulla torta! Limita e blinda ancora di più il lavoro di DS e insegnanti imponendo tutta una serie di adempimenti che diventano estranei, se non dirimenti, rispetto a ciò che in un'aula dovrebbe accadere in un rapporto produttivo e creativo docente/alunno. Per non dire delle prove Invalsi le quali, invece di essere considerate e accettate da insegnanti e alunni come un'utile e necessaria occasione di riflessione e di crescita, vengono vissute come una vera e propria... InvaLsione!!! So anche che gli insegnanti, in larga maggioranza, leggono molto poco in materia di normativa, non solo la 107, ma neanche le Indicazioni nazionali e le Linee guida... Per non dire poi delle Raccomandazioni europee! Costretti a inseguire fantomatiche competenze - sulle quali si dovrebbe discutere molto seriamente e non perché "vanno di moda" - a scrivere di rav, di pdm e di altre amenità nonché note... non compromettenti su registri elettronici, di fatto gli insegnanti sono costretti ad allontanarsi sempre più dal loro "compito naturale" per cercare solo di salvarsi da alunni sempre più demotivati da un "fare scuola" come quello di cento anni fa, da genitori sempre più esigenti se non ignoranti! In conclusione, penso che - se è vera questa "storia" dell'autonmia delle istituzioni scolastiche (brindammo nella mezzanotte del primo settembre 1999!!!) - non sarebbe il caso che l'Amministrazione cominciasse a fare qualche passo indietro? Un passo che aspettiamo da decenni Invece, fa passi sempre più in avanti!!! “


Aldo Domenico Ficara

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.