domenica 23 luglio 2017

Rivoluzione montessoriana per mettere al centro di tutto la libertà degli studenti




Il Centro nascita Montessori, per le educatrici dei nidi, ha quadruplicato le ore di formazione (portandole quest’anno a 3.600 contro le 900 del 2012) per rispondere alla vertiginosa crescita delle richieste che arrivano da tutto il Paese. Emilia Romagna, Lombardia, Campania, Puglia. A sua volta l’Opera nazionale Montessori (OnM), che si occupa soprattutto di scuole dell’infanzia, primarie e medie, è costretta per la prima volta a dire no ai dirigenti scolastici, sempre più numerosi, che vogliono modificare gli istituti convenzionali, per tamponare anche le falle di un sistema di istruzione pubblica sempre più a corto di risorse per la differenziazione dell’offerta pedagogica. Perché anche se la rivoluzione montessoriana non è a costo zero (richiede almeno un anno di formazione) è in compenso alla portata di tutti. Montessori - medico, scienziata, pedagogista, filosofa - non pensò mai, infatti, ad allevare geni, anche se poi lo ha fatto; non voleva una scuola elitaria ma, al contrario, inclusiva, capace di adattarsi come un abito su misura alle esigenze di ogni singolo bambino, con un ribaltamento del ruolo dell’adulto. In una scuola porre al centro di tutto la libertà degli studenti, vuol dire cambiare prospettiva, osservando ciò che fanno e poi predisponendo il contesto più idoneo per sviluppare le diverse competenze. 

Aldo Domenico Ficara