domenica 2 luglio 2017

Siamo alle solite: ritardi sul pagamento dei supplenti

Se un insegnante ha fatto 10 giorni di supplenza nel mese di aprile dovrà attendere al massimo la fine di Maggio per vedere accreditata la propria retribuzione. Questo è un esempio di ciò che recita il DPCM n. 241 del 31 agosto 2016. A tale proposito sono segnalate in alcune pagine social dedicate al mondo della scuola, alcune proteste di insegnanti che non hanno ricevuto il compenso remunerativo, dovuto alle loro prestazioni professionali. Infatti, risultano ritardi nei pagamenti per supplenze brevi fatte nei mesi di maggio e giugno 2017. La risposta a questi docenti a tempo indeterminato è stata resa nota dal portale NoiPa, dove è stato pubblicato il seguente messaggio: “L’emissione speciale per i supplenti brevi e saltuari è stata effettuata il 16 Giugno con esigibilità prevista entro fine mese. E’ possibile verificare lo stato di pagamento del contratto presso la segreteria scolastica dell’Istituto in cui si è prestato servizio attraverso il sistema “Monitoraggio Scuola” messo a disposizione da NoiPA.” Quindi l’emissione è stata effettuata e i docenti avrebbero dovuto riscuotere lo stipendio entro la fine del mese di giugno, cosa che a quanto pare  non si è verificata. Questa la dura realtà,  fatti completamente agli opposti di chi afferma che lo stipendio degli insegnanti dovrebbe essere portato a 3mila euro.





Aldo Domenico Ficara

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.