sabato 2 febbraio 2013

Non vi voteremo se....





Aggiornamento 02 febbraio 2018: quello che si diceva nel web alla vigilia del voto politico del 2013. Parole che possono essere analizzate con il senno del poi, oggi che siamo a fine legislatura

Non vi voteremo se....
Riteniamo che l’idea di porre domande stringenti a coloro che si candidano a governare il Paese sia una pratica decisamente opportuna, soprattutto in tempi di campagna elettorale. Permetterà a tutti di capire meglio e di decidere consapevolmente.
Abbiamo così pensato di interrogare la Politica anche attraverso il web, rendendo disponibile a tutto il Paese la possibilità di aderire ad un Appello che  pretende da Essa risposte convincenti e fondate. Una “provocazione” potrebbe dire qualcuno, che ha però un unico semplicissimo obiettivo, costringere la campagna elettorale oggi e il Parlamento domani ad occuparsi di ciò che ci sta più a cuore, l’Istruzione Pubblica Statale: chi fra i tanti candidati si impegnerà a  garantire la qualità, la dignità la libertà che la Costituzione le assegna? L'idea è nata in rete e in rete sono state raccolte e definite le 10 domande che trovate sulla Home. Nel menù del sito alla voce “chi siamo” abbiamo risposto così:siamo l’arcipelago scuola e, proprio per questo, l'appello non vuole avere promotori né alcuna forma di primogenitura”.
L’appello è di chiunque decida di condividerlo

e sottoscriverlo.
Indicheremo via via gli indirizzi dei siti e dei social network che pubblicheranno l’appello, al momento già ospitato e “linkabile” su: