martedì 12 settembre 2017

La scuola inizia con orario ridotto? Nessun recupero per gli insegnanti



Partiamo  ricordando l’art. 28 comma 5 del CCNL/2007,  che così recita: “Nell’ambito del calendario scolastico delle lezioni definito a livello regionale, l’attività di insegnamento si svolge in 25 ore settimanali nella scuola dell’infanzia, in 22 ore settimanali nella scuola elementare e in 18 ore settimanali nelle scuole e istituti d’istruzione secondaria ed artistica, distribuite in non meno di cinque giornate settimanali. Alle 22 ore settimanali di insegnamento stabilite per gli insegnanti elementari, vanno aggiunte 2 ore da dedicare, anche in modo flessibile e su base plurisettimanale, alla programmazione didattica da attuarsi in incontri collegiali dei docenti interessati, in tempi non coincidenti con l’orario delle lezioni.” Detto questo si può dire che la consuetudine della riduzione di orario nelle prime settimane di lezione, non deve causare recuperi per il personale docente nei successivi mesi dell’anno scolastico. Però il Dirigente scolastico può organizzare il servizio nelle prime settimane di lezione affinché il docente sia impegnato, anche in orario ridotto, sulle canoniche 18 ore settimanali.


Aldo Domenico Ficara