martedì 26 dicembre 2017

Comunicare ad alta voce i voti dei compiti in classe vìola la privacy ?


Il Garante della privacy regolamenta con un utile decalogo il tema della riservatezza in aula. L'opuscolo è rivolto ad insegnanti, genitori e studenti ed è stato elaborato sulla base di provvedimenti adottati e pareri richiesti. Tra i temi trattati anche la comunicazione dei  voti dei compiti in classe e delle interrogazioni. Infatti,  il garante della privacy  nella sua guida per la protezione dei dati personali scrive: “I voti dei compiti in classe e delle interrogazioni, gli esiti degli scrutini o degli esami di Stato sono pubblici. Le informazioni sul rendimento scolastico sono soggette ad un regime di trasparenza e il regime della loro conoscibilità è stabilito dal Ministero dell’istruzione”. Quindi gli insegnanti, almeno in questo caso, possono stare tranquilli.


Aldo Domenico Ficara