domenica 10 dicembre 2017

Insegnare in inglese abbassa la qualità dell’insegnamento




In un articolo intitolato “Why teaching in English may not be such a good idea“ pubblicato nel Times Higher Education,  si afferma che insegnare in inglese abbassa la qualità dell’insegnamento. Nell’articolo si scrive anche che il passaggio all'inglese sia nella ricerca che nell'insegnamento in molte università europee è essenzialmente l'effetto collaterale della diffusione delle classifiche internazionali. Gli indicatori utilizzati in tali classifiche premiano la percentuale di studenti internazionali iscritti. Sebbene sia stato affermato che queste classifiche si basino su una metodologia discutibile e che non valutino correttamente la qualità della ricerca e dell'insegnamento, giornali e blog popolari le citano inesorabilmente. Pertanto attenzione alle metodologie CLIL, ovvero attenzione a tutte quelle sperimentazioni di contenuti veicolati in una lingua straniera (obbligatorio nell'ultimo anno dei licei e istituti tecnici )  in base all’autonomia didattica.


Aldo Domenico Ficara