giovedì 29 marzo 2018

Prendere di mira un'insegnante disabile, legandola o meno, è un atto di pura vigliaccheria




“Legata alla sedia con lo scotch e presa a calci dagli studenti”. La storia, tristissima, riguarda una classe prima di una scuola secondaria di secondo grado di Alessandria; la scellerata vicenda – su cui in queste ultime ore si è consumato un tentativo di ridimensionamento da parte dei genitori – è accaduta più di un mese fa e per tutelare la docente, che non ha sporto denuncia, non è stato reso noto il nome dell’istituto dove si sono svolti i fatti. Si sa solo che si tratta dell’ennesimo episodio di bullismo, che ha avuto come vittima una docente con disabilità fisica ". Questo l'inizio di un comunicato stampa pubblicato da Anief sull'episodio di bullismo rivolto verso una docente. Sul fatto noi di RTS vogliamo aggiungere  e sottolineare la gravità, che aggiunge sdegno a sdegno,  di aver preso di mira una persona disabile che non si  poteva evidentemente difendere.