mercoledì 13 giugno 2018

Con quota 100 pensione ridotta di oltre 200 euro



La pensione anticipata  fatta con quota 100 o attraverso quota 41, rappresenta il parametro di uscita che garantirebbe meno anni di lavoro, ma con una riduzione degli assegni pensionistici mensili dei contribuenti. Il calcolo è stato fatto dall'Istituto specializzato Progetica e pubblicato dal Corriere della Sera. Il nuovo conteggio degli assegni di pensione coinvolgerebbe tutti i lavoratori, dai ventenni  fino ai 60enni. Infatti, dai dati dell'Istituto Progetica, un 20enne di oggi, con la quota 100 arriverebbe alla pensione ben 5 anni e mezzo prima, ma l'assegno mensile sarebbe decurtato di circa 210 euro, pari al 16 per cento in meno.