martedì 31 luglio 2018

Domani audizione del Ministro Marco Bussetti al Senato


Domani, mercoledì 1 agosto, dalle ore 8.30, è in programma a Palazzo Madama l’audizione del Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Marco Bussetti presso le Commissioni congiunte 7 Senato e VII Camera. Come nell’audizione della settimana scorsa, il Ministro risponderà alle domande poste dai parlamentari al termine della presentazione delle Linee programmatiche del MIUR, avvenuta lo scorso 11 luglio. L’audizione potrà essere seguita sul sito del Senato.

Insegnante indagato per aver insultato un alunno cinese



Un insegnante di Educazione tecnica di una scuola media di Torino, indagato per aver insultato nel corso dell’anno scolastico un alunno cinese  è stato indagato per istigazione all’odio razziale, perché in un attacco d’ira aveva chiamato l’alunno straniero di 12 anni ‘cinese di m…’. La scuola aveva segnalato l’episodio all’Ufficio scolastico regionale e la rappresentante di classe, a nome di altri genitori, aveva chiesto che il docente fosse sospeso dall’insegnamento. Nei confronti del docente, quindi, sembra pressoché certo che scatterà il processo. Parallelamente, scatterà anche la sanzione disciplinare, che va dal richiamo verbale sino alla sospensione dal servizio e a anche al licenziamento.


Muore a Messina la Ds in pensione Maria Rosaria Mangano



All'età di 68 anni muore a Messina la Dirigente scolastica in pensione Maria Rosaria Mangano, già preside dal 2001 al 2004 presso l'IIS di Furci Siculo. Ci piace ricordare che nel 2003 aveva sostenuto con forza un progetto didattico, progenitore delle attuali pratiche di alternanza scuola lavoro, sulla trazione elettrica. Un progetto succesivamente pubblicato nella rivista scolastica " IIS DIXIT " da lei diretto. La redazione di RTS esprime le proprie condoglianze.

Aldo Domenico Ficara

Concorso a Ds: la visualizzazione della prova preselettiva che non si visualizza



Nel portale di Istanze on line doveva essere visualizzata la prova preselettiva di ogni candidato che avesse sostenuto la selezione. Invece con grande stupore per qualche insegnante compare la seguente videata:




In altri casi si evidenziano discrepanze tra il punteggio registrato in aula e quello visionato in Istanze on line

In Francia approvata la legge che vieta l’utilizzo dei cellulari nelle scuole


Il Presidente della Repubblica francese, Emmanuel Macron, in riferimento al divieto sull'uso dei cellulari in classe per tutti gli studenti fino ai 15 anni di età  ha così commentato: “Impegno mantenuto. Oggi l’Assemblea Nazionale ha definitivamente approvato la legge che vieta l’utilizzo dei cellulari nelle scuole”.
Pertanto dopo l'approvazione della legge le scuole superiori francesi avranno la possibilità, ma non l’obbligo, di adottare il divieto nei loro regolamenti interni.

Mario Pittoni: la cancellazione della Struttura di Missione sull’edilizia scolastica non comporterà nessun arretramento su questo tema.


Mario Pittoni, presidente della Commissione Cultura del Senato e responsabile Istruzione della Lega in riferimento alla chiusura di ‘Italiasicura’ e della Struttura di Missione sull’edilizia scolastica sottolinea: “A differenza di quanto dice Renzi, la cancellazione di ‘Italiasicura’ e della Struttura di Missione sull’edilizia scolastica non comporterà nessun arretramento su questo tema. Le competenze saranno assorbite integralmente dalla Direzione Generale dedicata del Miur. La Struttura di Missione per la riqualificazione dell’edilizia scolastica di Palazzo Chigi, del resto, era una realtà immobile e inutilizzata da tempo. Almeno da quando la responsabile nominata da Renzi aveva deciso di abbandonarla per andare a ricoprire la carica di assessore in una giunta a guida Pd ”.

lunedì 30 luglio 2018

Il conservatorio Vincenzo Bellini di Catania rischia la chiusura


Il conservatorio Vincenzo Bellini di Catania, il più grande non statale d’Europa per numero di iscritti e per area geografica servita e primo in Italia per laureati, rischia di chiudere a causa del mancato stanziamento dei fondi da parte degli enti capofila del Consorzio che lo gestisce. Per questo la Flc Cgil chiede al governo nazionale di intervenire con un provvedimento d’urgenza al fine di stanziare le risorse necessarie all’ordinaria amministrazione

Concorso a Ds: riaperti i termini per nomine a Presidente, Componente o Componente aggregato


Il Miur ha riaperto i termini per la presentazione delle domande in qualità di  Presidente, Componente o Componente aggregato della Commissione del corso-concorso per dirigente scolastico. A tal riguardo è stato pubblicato un avviso in cui si scrive: " si rende noto che il numero di candidature pervenute da parte
di alcune tipologie di aspiranti in possesso dei requisiti definiti dagli articoli 15 e 16 del D.M. n. 138 del 3 agosto 2017 non è tale da assicurare la necessaria pluralità di competenze e professionalità tra cui individuare i commissari e i supplenti delle numerose sottocommissioni ".

Concorso a Ds: su Istanze Online elaborati preselettiva e relativi punteggi



I candidati al concorso per Dirigenti scolastici potranno visionare i propri elaborati della prova preselettiva e i relativi punteggi, tramite Istanze Onlineda oggi 30 luglio 2018. Di seguito riportiamo il comunicato del Miur: " Si comunica che, a partire dal 30/07/2018, i candidati che hanno partecipato alla prova preselettiva potranno prendere visione del proprio elaborato e del punteggio conseguito accedendo con le proprie credenziali all’area ‘Altri servizi’ di Polis ".

Francesca Puglisi nominata esponsabile del settore Infanzia del PD


Nei rinnovati Dipartimenti tematici del Partito Democratico, compare nella lista come responsabile del settore Infanzia la 49enne Francesca Puglisi, già responsabile scuola del Pd durante la segreteria di Bersani e di Renzi. La Puglisi è stata una tenace sostenitrice della Legge 107 del 2015 detta La Buona Scuola, e per questo motivo ha pagato a caro prezzo le proteste degli insegnanti, che hanno inciso in modo sostanziale nella fine anticipata del Governo Renzi, con una sonora bocciatura alle ultime elezioni politiche del 4 marzo 2018. 

domenica 29 luglio 2018

Concorso a Ds: In molti hanno lamentato problemi tecnici e riscontrato anomalie ed errori


Nella prova preselettiva del concorso a Dirigenti scolastici ci sono stati problemi che " riguardano alcuni aspetti tecnici e il misterioso algoritmo chiamato a valutare in tempo reale migliaia di prove. Nessun candidato ha avuto la possibilità di visionare la propria prova o, quantomeno, di avere copia o file della stessa per visualizzare le risposte sbagliate e confrontarle con quelle fornite dal Miur.
In molti, soprattutto coloro i quali sono rimasti esclusi anche per qualche decimo di punto, hanno lamentato problemi tecnici e riscontrato anomalie ed errori, sulla base dei criteri forniti dal Ministero: 1 punto per ogni risposta esatta, 0 punti per ogni risposta non data, – 0,3 per ogni risposta errata, nella assegnazione del punteggio. Qualche prova, addirittura, risultava dispersa. Gli esclusi stanno già attivando le procedure per possibili ed eventuali ricorsi ". Queste le parole scritte in una lettera inviata al portale Orizzonte Scuola

Concorso a Ds: curiosità sulla prova scritta


La prova scritta del concorso per Dirigenti scolastici si svolgerà al computer in 150 minuti, e consisterà in:
  • 5 quesiti a risposta aperta sulle materie di cui all'art. 10, co. 2 del Regolamento (max 16 punti);
  • 2 quesiti in lingua straniera articolati in cinque domande a risposta chiusa (max 10 punti).
Il punteggio complessivo della prova è dato dalla somma dei punteggi ottenuti. Sono ammessi all’orale i candidati che ottengono un punteggio pari o superiore a 70 punti.

Il 2 agosto voto per convertire in legge il Decreto dignità


Domani 30 Luglio 2018 arriverà nell’Aula di Montecitorio il testo per convertire in legge il Decreto dignità. Il testo dovrebbe essere votato, secondo il calendario dei lavori parlamentari, il 2 agostoQuesto provvedimento coinvolge  anche il mondo della scuola, soprattutto per gli emendamenti, votati nelle Commissioni competenti, sui diplomati magistrale ante 2002 e per il superamento del tetto dei 36 mesi riguardante i docenti precari  che avrebbe impedito loro di avere altre supplenze. 

Preselettiva concorso a Ds: Da Messina il primo ricorso



Finita la prova preselettiva del concorso per Dirigenti scolastici parte dalla Sicilia e precisamente da Messina il primo ricorso. Infatti, lunedì 30 alle ore 10:45 si svolgerà un incontro informativo con il legale FLC CGIL presso la CGIL di Messina (Via P. Frumentario 6) per i docenti che non hanno potuto partecipare alla prova preselettiva concorso DS 2018 a causa dell'incidente sull'autostrada ME-CT di giorno 23-07-2018 ".  Siamo solo all'inizio di questa procedura concorsuale e già iniziano le prime proteste e i primi ricorsi. Vedremo l'evolversi della situazione.

Floridia (M5S): trasformazione delle cattedre di fatto e in deroga in cattedre di diritto


Intervento della Senatrice Floridia (M5S) durante l’audizione con il Ministro Bussetti. La Senatrice ha ricordato che ci sono docenti che in seguito all’applicazione della legge 107 si sono trovati ad insegnare lontano dalle province di residenza. A tal riguardo la Floridia ha dichiarato: "Per creare più posti al sud e favorire rientri e assunzioni, abbiamo proposto la trasformazione delle cattedre di fatto e in deroga in cattedre di diritto ".

sabato 28 luglio 2018

La Carta del docente sarà inattiva dal 31 luglio al 9 agosto 2018


Nella pagina del sito Miur, riguardante la Carta del docente, è stato comunicato che dal 31 luglio al 9 agosto 2018 potrebbero esserci delle interruzioni del servizio per problemi tecnici. Infatti,  si può leggere il seguente messaggio: " Per interventi tecnici, sono possibili brevi interruzioni del servizio dalle ore 7.00 alle ore 8.00 nelle giornate dal 31 luglio al 9 agosto 2018 ".


Giulia Bongiorno: si porterà avanti la politica dei “premi” laddove si “lavora bene”


Giulia Bongiorno, ministra per la P.A,  nel corso del primo incontro tenuto con i sindacati, a palazzo Vidoni ha detto: la politica che si porterà avanti, sarà quella dei “premi” laddove si “lavora bene”, anche perché un “dipendente pubblico più felice e più sereno ti cambia la vita”. E il principio vale per tutti: impiegati, quadri e dirigenti.

Fonte

Il Coordinamento Nazionale di Scienze della Formazione Primaria Nuovo Ordinamento manifesterà presso Piazza di Montecitorio


Il Coordinamento Nazionale di Scienze della Formazione Primaria Nuovo Ordinamento ha organizzato una manifestazione per lunedì 30 luglio 2018 presso Piazza di Montecitorio a Roma, dalle ore 10.00 alle ore 13.00. La protesta si fonda sul prossimo concorso dei diplomati magistrale, concorso senza selezione, in cui tutti entrano e nessuno resta fuori.  L’unica condizione per passare è aver prestato almeno due anni di servizio negli ultimi 8: il che esclude dalla gara-non gara i maestri laureati di più fresco conio che non hanno al loro attivo abbastanza supplenze. E pazienza se magari sarebbero stati più qualificati loro di molti semplici diplomati magistrali per insegnare ai nostri figli a leggere scrivere e far di conto. Per loro presto sarà bandito un nuovo concorso. Ma in questo caso il concorso sarà selettivo.

Pedibus: piccoli alunni della Primaria accompagnati a scuola a piedi

A partire dagli anni scolastici 2018/2019 e 2019/2020 l’amministrazione comunale di Castelfranco di Sotto (comune  di 13 355 abitanti della provincia di Pisa) sperimenterà una nuova tipologia di trasporto per i piccoli alunni della Scuola Primaria: il Pedibus. Una forma di trasporto scolastico per i giovanissimi studenti che saranno accompagnati a scuola a piedi.

Fonte

Il Miur si dimentica della scuola meridionale, trattandola come l’ultima delle Cenerentole


Il Segretario generale della UIL Scuola Puglia fa il punto sui numeri delle nuove immissioni in ruolo del personale docente nelle scuole: “ Purtroppo i nostri timori della vigilia sono stati confermati: ancora una volta il Ministero si dimentica della scuola meridionale, trattandola come l’ultima delle Cenerentole. Solo il 22% delle nuove immissioni in ruolo nel corpo docente, infatti, saranno destinate al Mezzogiorno (contro il 59% al Nord), con buona pace di studenti e famiglie che pagheranno il conto salato di un sistema scolastico che sarà costretto a fare le nozze con i fichi secchi, a discapito della qualità dell’offerta formativa, senza personale né strumenti per affrontare una situazione già critica e un tasso di dispersione scolastica in costante aumento ”.

venerdì 27 luglio 2018

Fabio Rampelli chiede l’istituzione di un ‘Consiglio superiore’ contro l’abuso di lingue straniere


Il vicepresidente della Camera Fabio Rampelli nel marzo scorso aveva presentato due proposte di legge affinché l’italiano diventasse idioma ‘ufficiale della Repubblica’ e per chiedere l’istituzione di un ‘Consiglio superiore’ contro l’abuso di lingue straniere. Gli anglicismi secondo Rampelli si devono “all’intrusione di gerghi appartenenti al cinema e televisione, che dovrebbe responsabilizzare almeno la Rai, ma anche Mediaset e La 7, a una promozione della nostra lingua.

Fonte

Classifica delle Università italiane


La classifica delle Università italiane con più di 40mila studenti:

Atenei statali con più di 40'000 studenti
posizione 2017universitàpunteggio2016201520142013
1Università di Bologna92.01111
2Università degli Studi di Firenze88.23333
3Università degli Studi di Padova87.22222
4Università degli Studi di Roma "La Sapienza"86.85876
5Università di Pisa864455
6Università degli Studi di Palermo85.66588
7Università degli Studi di Torino837644
8Università degli Studi di Bari Aldo Moro79.297611
9Università degli Studi di Milano78.28997
10Università degli Studi di Catania72.61110109
11Università degli Studi di Napoli Federico II72.410111110

Converrebbe chiudere tutte le scuole paritarie e investire solo sulla scuola statale?


È uno degli argomenti che storicamente, quando si parla d’istruzione, crea le divisioni maggiori tra le diverse forze politiche. Stiamo parlando delle scuole paritarie. L’ultima campagna elettorale lo ha confermato. C’è chi, come la coalizione di centrodestra, le considera un pilastro del sistema didattico allo stesso livello delle scuole statali. Ma c’è anche chi, come ad esempio il Movimento 5 Stelle, vorrebbe azzerare i finanziamenti alle private (tranne che per gli asili) per concentrarsi sulla scuola pubblica. Nel frattempo centinaia di migliaia di famiglie continuano a credere nell’istruzione paritaria. E lo stesso vale per il governo uscente. Tanto è vero che, tra gli ultimi atti del Miur targato Valeria Fedeli, c’è un finanziamento di quasi 500 milioni di euro indirizzato proprio alla scuola privata. 

L’aumento stipendiale per i Ds sarebbe a regime di 10 euro al mese



In questi giorni si è svolto l’incontro Aran-sindacati per il rinnovo del Contratto dei dirigenti scolastici. Per i Presidi l’aumento sarebbe a regime di 10 euro al mese per 13 mensilità. Le altre risorse contrattuali andrebbero ad incrementare la retribuzione di risultato, che non è stata però quantificata dall’ARAN. 

Fonte

Il concorso riservato ai docenti abilitati in molte regioni sta arrivando a conclusione

Il concorso riservato ai docenti abilitati della scuola secondaria di I e II grado, previsto dal D.lgs. 59/2017, è attualmente in corso di svolgimento ( 9 Regioni su 15 termineranno entro il prossimo 31 agosto )Il concorso si articola in una prova ora non selettiva e nella valutazione dei titoli. Al termine del concorso, viene stilata una graduatoria di merito regionale ad esaurimento, da cui si viene ammessi al III anno FIT, superato il quale si è assunti in ruolo.


Concorso a Ds ( i punteggi medi più alti ): prima l'Umbria, secondo il Veneto e terza la Toscana


Il valore medio del punteggio conseguito dai candidati  nella prova preselettiva del concorso per Dirigenti scolastici evidenzia una classifica di merito che vede al primo posto l'Umbria  con 85.2 punti su 100, seguita a ruota dal veneto con 85, terza la Puglia con 84.6




giovedì 26 luglio 2018

Concorso a Ds: i più bravi sono i liguri con il 46% di promossi allo scritto


I più bravi a memorizzare i 4mila quesiti con relative risposte fornite dal ministero dell’Istruzione, da cui sono state sorteggiate le 100 utilizzate per la prova, sono stati maestri e professori (per partecipare occorrevano almeno 5 anni di servizio) residenti in Liguria. A superare il primo ostacolo ben 173 candidati dei 379 liguri che si sono presentati: il 46 per cento. A seguire il Friuli-Venezia Giulia che ne vara il 45 per cento. In fondo alla classifica troviamo la Basilicata, che è riuscita a portare avanti appena 129 dei 424 aspiranti capi d’istituto locali: il 30 per cento. Poco meglio fa la Calabria, dove 31 docenti su cento staccano il biglietto per lo scritto. Ma è tutto il Nord, che presentava poco più di 9mila (il 26 per cento) partecipanti, che assicura migliori performance, con il 40 per cento degli ammessi.

Fonte

Immissioni in ruolo: Su 57322 posti 33820 sono ubicati al nord


I 57322 posti, di cui 13329 su sostegno, geograficamente dovrebbero essere così suddivisi:
  • 18% circa al Centro;
  • 22 % circa  al Sud;
  • 59% circa al Nord;
Quindi nelle regioni del nord Italia andrebbero ben 33820  cattedre

Stefano Fassina su Diplomati Magistrale: primo licenziamento di massa dalla scuola pubblica


Stefano Fassina nel suo intervento in Commissione Finanze e Lavoro di Montecitorio in seduta congiunta per il Decreto Dignità ha dichiarato: “ Con la bocciatura dei nostri emendamenti per la salvaguardia delle e degli insegnanti con Diploma Magistrale ante 2001/2002 il M5S e la Lega si assumono la responsabilità del primo licenziamento di massa dalla scuola pubblica e dalla pubblica amministrazione.”

ANIEF sui diplomati magistrale: peggio di così non si poteva fare


Il Governo aveva lasciato libero il Parlamento di adottare la soluzione migliore per risolvere il problema dei docenti inseriti nelle GaE dopo l’Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato, ma le Commissioni VI e XI riescono a scontentare tutti, arrivando a licenziare pure i maestri già assunti in ruolo: peggio di così non si poteva certo fare e ora la parola giungerà all’Aula della Camera, prima del passaggio lampo in Senato. Se non vi saranno modifiche, si prospetta l’apertura della più grande stagione di ricorsi: non ci sarà precario che non andrà in tribunale per reclamare i propri diritti.  Secondo il sindacato ANIEF non si comprende cosa ci sia di ‘dignitoso’ nel prorogare di un anno il licenziamento di 45 mila supplenti che lavorano da tempo grazie all’inserimento nelle GaE . Così come non si capisce cosa ci possa essere di ‘dignitoso’ nel certificare fra un anno il licenziamento di 6 mila docenti assunti in ruolo e inseriti con riserva che hanno superato a pieni voti l’anno di prova, di fronte al proprio dirigente scolastico e agli organi collegiali preposti.

Spesso gli insegnanti dimostrano di essere eccessivamente servili al cospetto del capo ?


" Le giuste relazioni tra Dirigente scolastico e docenti, stanno alla base dell’equilibrio dei rapporti interpersonali e del buon funzionamento della scuola. Se il Ds è despota e alcuni insegnanti dimostrano di essere eccessivamente servili al cospetto del capo, allora il rischio di squilibri, iniquità e ingiustizie all’interno di una comunità scolastica è molto alto ". Queste le parole introduttive ad un suo articolo pubblicato su La Tecnica della Scuola da Lucio Ficara

Si attende con ansia il Concorso a cattedra


La scuola italiana è in attesa di due concorsi:
  • concorso per docenti con 3 anni di servizio, di cui uno, negli ultimi otto
  • concorso per laureati con i CFU validi per l’insegnamento e i 24 CFUin discipline antropo – psico – pedagogiche ed in metodologie e tecnologie didattiche.
Secondo recenti indicrezioni questi concorsi saranno indetti nel 2019